Happy Birthday, Ms. Emma!

December 24

marcegagliaemma_ride

Happy B’day, today, to  Emma Marcegaglia (born 1965, Dec. 24 in Mantova).

Entering her 44th year of intense life, the 44th woman in the recent  “women to watch” wsj global list. Here is, reported below at blogpost end, her medaglione on such a wsj list.

ITALIAN ABSTRACT

Oggi compie 43 anni la più giovane e la prima donna a presiedere Confindustria (uno straordinario doppio record, di cui siamo tutti fieri: per questo ci piace di più essere Italiani).

Le mandiamo degli auguri di cuore dal nostro blog, nello spirito religioso laico e socialista libertario di Simone Weil: della collaborazione e dialogo con industriali e dirigenti, per trovare soluzioni condivisibili e praticabili, ai drammatici problemi creati dai capitalismi sulla via del “loro” progresso – le micidiali macchine Fordiste e le contemporanee tragedie finanziarie post-Fordiste.

Abbiamo davvero apprezzato il suo esplicito, ripetuto atteggiamento recente: non chiudere la porta in faccia alla CGIL, come e’ tentato di fare il governo pro domo sua, non certo nell’interesse dei lavoratori e dell’economia italiana.

DEAREST MS. EMMA, WE HOPE AND WISH YOU THAT THE EXPLOITED WORKING CLASS REPESENTATIVES AND YOU –  SUCH AN ATTENTIVE, AUTHORITATIVE, BRILLIANT AND ENERGETIC LEADER OF THE ITALIAN CONFINDUSTRIA –  YOU MIGHT  AGREE, COOPERATE ON A NUMBER OF URGENT MEASURES NEEDED (namely:  fiscal stimulus, income redistribution and shorter working week), AND PRESSURE TOGETHER – as a social cohesion front – AN EXTREMELY UNATTENTIVE GOVERNMENT (at least, until Maurizio Sacconi proposed with the CISL leader a short week solution, this week).

AL THIS IN ORDER TO PROTECT – as far as it is possible –  OUR LIVES, COMMUNITIES AND SOCIETY FROM THE STAG-DEFLATION TSUNAMI, STEMMING FROM A SAVAGE GLOBALIZATION AND THE ONNIPOTENCE DELIRIUM OF THE DEATHFUL FINANCIAL CAPITAL.

The systemic crisis (global financial meltdown, credit crunch and recession) is now hitting hard the Italian industry, and imposing an acceleration to the restructuring towards higher value added specialisations, and a move of the bulk of our industry, from low to at least medium-level technologies.

panorama_482f4b99bdf85

We sincerely congratulate you, and we are  so happy that Italy finally has a bright woman leading the main employers’ association. We definitely need a feminine touch to cope with the crisis.

Happy Birthday, Ms. Emma!

wall street journal

Emma Marcegaglia,  Confindustria   President.
Emma Marcegaglia was earlier this year (in march, ndr) appointed president of Confindustria, the powerful Italian business federation, becoming a rare example of a women in a top business position in Italy.
Like most of Italy’s business elite, Ms. Marcegaglia is a graduate of Bocconi University in Milan. She also holds a master’s in business administration from New York University’s Stern School of Business. Born on Christmas Eve in 1965, Ms. Marcegaglia is not only the first woman to run Confindustria but is also one of the youngest of its presidents. Past leaders have included car designer Sergio Pininfarina and longtime chairman of Fiat Giovanni Agnelli.
In a country where trade unions have a say in most government decisions, so does Confindustria, which helps negotiate wages. Confindustria promotes free-market reforms and increased competition through its representatives around the country and via the pages of business newspaper Il Sole 24 Ore, which it owns. In her opening speech, Ms. Marcegaglia called for an increase in Italy’s retirement age, a return to nuclear energy and family-friendly welfare policies to boost female employment in Italy. (bold and colours added – ndr)
Her new post means Ms. Marcegaglia will have less time to look after Marcegaglia SpA, the steel-products company her father founded in 1959, of which she is co-chief executive. She handles the financial side of her family’s business, sharing CEO responsibilities with her brother. The Marcegaglia group — which produces steel pipes, builds boilers and also runs tourism resorts — is one of Italy’s industrial success stories, a company that has thrived despite competition from developing countries by diversifying products and aggressively expanding abroad. Ms. Marcegaglia’s contribution to that success is largely what led to her Confindustria appointment.
— Davide Berretta

Antikythera. UN CALCOLATORE NON PROGRAMMABILE ELLENISTICO

L’orologio di Antikythera al Museo Arch.  Naz. di Atene, nostro grab da video

antik-athinai_museum

Michael Brown sul solco di Derek de Solla Price

Google video: http://video.google.com/videosearch?q=antikythera&emb=0#

video da uTube su Antikythera http://www.youtube.com/results?search_query=Antikythera&search_type=&aq=f

una mia selezione dei video più interessanti su questo mistero.

LA SCOPERTA E LA  AFFASCINANTE STORIA DI ANTIKYTHERA, clip da History Channel: http://www.youtube.com/watch?v=1YuXjg41UwY

An amazing example of the ancient Greek tradition of complex mechanical technology (about 150-100 BC), found by Greek sponge diver Elias Stadiatos in the wreck of a cargo ship off the tiny island of Antikythera in 1900. Devices of this complexity were not attained again until the 15th century.

go to link below to see fascinating clip of the first fully functional working model of the Antikythera Mechanism in the World: http://www.youtube.com/watch?v=4eUibFQKJqI

The Antikythera Mechanism Research Project reported in the science journal “Nature” a year ago that that the mechanism is an astronomical computer or orrery used to predict the positions of heavenly bodies in the sky.

clips of interviews with Michael Wright, formerly Curator of Mechanical Engineering at The London Science Museum, and now of Imperial College, London.

then Prof. Andre Sleeswyk demonstrates how his analysis of The Antikythera mechanism helped him solve the puzzle Leonardo da Vinci couldn’t–the Roman odometer of Vitruvius.

This documentary clip is from an episode of “Ancient Discoveries” from the History Channel

http://www.dvdtalk.com/reviews/29380/ancient-discoveries/

09:54 – Nov 2, 2007 – 1 year ago –

SCHEMA 3D DELLA RICOSTRUZIONE DI DE SOLLA PRICE:

http://www.youtube.com/watch?v=qsr62p4h4Y8&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=NkhodouiiCE&feature=related

L’ULTIMO VIDEO CHE FA SCALPORE: Michael Brown, Imperial College, London, mostra come funziona la “sua” Antikythera.

http://www.youtube.com/watch?v=4eUibFQKJqI

Sul lungo lavoro ed i risultati di Michael T. Brown, DA VEDERE il blog (ringrazio l’Autore per avermelo suggerito):

http://fsoso.free.fr/antikythera/

IL GRUPPO DI RICERCA AMRP (T. Freeth et al.) DELLA RIVISTA NATURE aggiorna allo stato dell’arte sul mistero storico:

http://www.antikythera-mechanism.gr/

http://www.nature.com/nature/journal/v454/n7204/full/nature07130.html

http://www.youtube.com/watch?v=DiQSHiAYt98 

http://www.youtube.com/watch?v=znM0-arQvHc&feature=related

A new paper from the Antikythera Mechanism Research Project (AMRP) is published in the prestige science journal Nature on July 31st 2008. It reveals surprising results on the back dials of the Antikythera Mechanism – including a dial dedicated to the four-year Olympiad Cycle of athletic games in ancient Greece.

The research team has also deciphered all the months on the Mechanism’s 19-year calendar, revealing month names that are of Corinthian origin, probably from a Corinthian colony of the western Hellenic world – overturning the previous idea that the Mechanism was from the eastern part of the Mediterranean. For the first time we have direct evidence of its cultural origins.

 

L’orologio-calcolatore ellenistico                

Il computer    Il computer    Il computer    Il computer    Il computer    Il computer    Il computer

Il reperto di un complesso, sofisticatissimo orologio astronomico di epoca  ellenistica di cui qui parliamo (ALTRE FOTO DEL REPERTO ORIGINALE: CorSera), calibrato nel suo ciclo più lungo sulle eclissi (76 anni), fu ritrovato presso l’isolotto di Antikythera, come spiega sopra il commento al  clip History Channel.

Esso era già stato accuratamente ricostruito nella sua interezza, dopo anni di lavoro da certosino, nel 1974 dal massimo storico della scienza contemporaneo, Derek J. de Solla Price (1922-83), che fu a lungo nel Board della “nostra” rivista Research Policy.

 Tale lavoro  artigianale di ricostruzione materiale dei pezzi mancanti e dell’intero orologio complesso, compiuto PER LA PRIMA VOLTA ASSOLUTA da questa bella figura intellettuale a tutto tondo, che fu  De Solla Price, portò  – nell’insieme degli studi – ad  una rivoluzione copernicana nella nostra idea e visione della Cultura-Madre greca e dei suoi sviluppi ellenistici. IN SOSTANZA AD UNA RIVALTAZIONE DEL LATO (in ombra: abbastanza ignoto in precedenza, o preso sottogamba)  TECNOLOGICO DELLA CULTURA E RICERCA GRECO-ELLENISTICA.

In ambienti alessandrini ed ellenistici, ora sappiamo che vi furono molti sviluppi sistematici in campo ingegneristico, specie meccanico: i nomi dei grandi tecnologi dell’epoca abbondano. La cultura tardo-ellenistica pare fosse già in procinto di evolvere dalla scienza-filosofia, verso un salto nei mondi  tecnologci virtuali, prima che il processo si  interrompesse  (mentre il cammino indipendente proseguì nell’altra regione-leader globale, la Cina – studiata a Cambridge da Joseph Needham).

Insomma l’orologiaio Alessandrino-Ellenistico (secondo Nature, di una colonia occidentale, Magna Grecia o altrove, della città di Corinto), che ha fatto il prodigio di Antikythera, e’ un po’ più avanti di Leonardo, per dirla grossolanamente (e Leonardo c’entra:  vedi sopra la citaz. di History Channel). Gli manca un Pascal alessandrino, e l’orologio potrebbe cominciare  a  diventare programmabile? Perche’ allora la grande cultura Araba attorno all’anno Mille non e’ ripartita da lì? Lo ha fatto in campo matematico, medico, ecc., ma non che io sappia nella orologeria analogico-meccanica “pre-elettronica”. WHY NOT?

FAQ. Non e’ che qui ci siano le radici comuni di 2 mancate (ellenista ed islamica) RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE (alla Galileo-Newton) E POI TECNOLOGICO – INDUSTRIALI as well (alla Newcomen-Smith)? Altrimenti, oggi sarebbero i “nostri” fondamentalisti (Comunione e Liberazione, focolarini, Opus Dei, Parrocchie terroriste e PPP – pazzi predicatori puritani), a suicidarsi contro l’imperialismo incompassionevole del Califfato…

In ogni caso, nel 1600 Padre Ricci ci farà la sua bella figura portando (con le mappe post-Colombiane ed Euclide) gli orologi europei alla corte imperiale di Beijing: in quanto questi erano di concezione assai diversa dai pur evoluti meccanismi segna-tempo di  tecnologia endogena all’Impero di Mezzo. Forse qualche traccia di Antikythera era rimasta, dopo tutto ,  nelle civiltà sulle sponde del Mediterraneo dove la nave affondò?

Ora, un tecnologo britannico ha ripetuto – come si suol fare nelle scienze – l’esperimeno reale di de Solla Price,  anche lui con un lavoro di decenni: ma l’ha fatto nell’era uTube in cui i tempi di diffusione s’accorciano. I tempi cambiano. Ma i meriti di Derek restano a Derek! Che diamine. Del reverse engineering dell’orologiaio Alessandrino-Corinthiano, il pioniere e’ lui. Una inammissibile dimenticanza nell’articolo che segue – che noi correggiamo. NB: I Corinthians sono la squadra di football per cui tifano tutti i brasiliani di ceppo italiano, e’ il loro status symbol, identità, far tifo per i Corintihans.

Avendo già visto nei Musei copie del lavoro di Derek, vedo subito dal video che M Brown al “core” delle rotelle ha aggiunto il packaging, la scatola di legno con le manopole. 

Ii titolisti di CorSera (vedi sotto) non vanno tanto  per il sottile, e forse non sanno – non avendo letto il Genthon – che non puoi chiamare  IN ITALIANO “COMPUTER” (semmai “calcolatrice analogica non programmabile”, per distinguerla da un calcolatore elettronico analogico), una macchina che non sia programmabile – questo per convenzione e definizione. Abbiamo scoperto che chi ha caricato  a fine novembre il video  di M Brown che mostra la sua macchinetta su uT, e’  una tale Jo Marchant,  che ha appena pubblicato la sua ricerca di storia tecnologica sul tema medesimo (London: Heinemann).

Decoding the Heavens: Solving the Mystery of the World’s First Computer.

Dove (non l’abbiamo ancora letto) potrebbero esserci alcune risposte ai nostri quesiti sopra: si parla inatti di preti-astronomi babilonesi studiosi delle eclissi, che precedettero Antikythera, e di Arabi che la seguirono. Il libro, ci dicono su Amazon, e’ scritto per biografie vive; un lettore afferma:

This is not so much a book about the device, but the story of its discovery and recognition. 

The story is told as a series of biographies of the people who have helped to bring the device to light. I found the story increasingly compelling as each of the characters was brought to life.

Nello strillo di copertina si promette di più: a book that challenges our assumptions about technology transfer over the ages.

51rv3wn3ogl

BREAKING VIEW:

UN RICERCATORE BRITANNICO HA RICOSTRUITO FEDELMENTE IL MECCANISMO DI ANTIKYTHERA

Uno scienziato accende il “computer” 
inventato dai greci 2mila anni fa

L’apparecchio effettua complicati calcoli astronomici 
e mostra le posizioni dei vari corpi celesti

MILANO – Un misterioso congegno meccanico simile ad un orologio. Venne scoperto nel 1901 da alcuni pescatori nelle acque vicino a Antikythera, un’isolotto sperduto nel Mar Ionio della Grecia. Sembrava soltanto un blocco di ruggine agli occhi degli archeologi, che non diedero tanta importanza allo strano reperto ripescato da un veliero affondato. Quando però lo strano oggetto si ruppe nelle stanze degli archivi del Museo di Atene dov’era custodito vennero alla luce delle ruote dentate – gli scienziati si accorsero subito di essere di fronte a qualcosa di molto particolare. Era stato trovato il più vecchio “elaboratore” del mondo. Secondo gli scienziati del tempo il meccanismo di Antikythera era stato costruito per effettuare complicati calcoli astronomici: dal moto del Sole e della Luna nello Zodiaco a quello dei pianeti, ma anche per determinare le eclissi.

COPIA ESATTA – Si calcola che il meccanismo sia stato costruito 150 anni prima della nascita di Cristo. E’ composto da una trentina di ingranaggi in bronzo con una sottile dentatura. Gli archeologi parlarono di un capolavoro dell’ingegneria, uno straordinario reperto di tecnologia antica. Poi per un secolo più nulla (ndr – TOTALMENTE FALSO, E SCIOCCO.  Del resto si smentisce lui stesso nell’ultimo capoverso). Ora, Michael Wright, ex curatore della sezione di Ingegneria Meccanica del Museo delle Scienze di Londra, ha ricostruito l’antico apparecchio. Una copia esatta: con le stesse dimensioni, gli stessi materiali riciclati. Insomma, quasi come l’originale. E la cosa incredibile è che questa copia – teoricamente – funziona nello stesso modo dell’originale. In un video pubblicato su YouTube nei giorni scorsi, ripreso dai maggiori blog e riviste tecnologiche, il ricercatore spiega il funzionamento del computer Antikythera.

PREVISIONI – I comandi, dice Wright, sono relativamente semplici: girando una manopola, posta sul lato dell’oggetto, è possibile scorrere i quadranti sovrapposti e, dalla combinazione di questi, prevedere i vari eventi astronomici. Basandosi sui modelli dell’antica Grecia si possono anche raffigurare le posizioni dei vari corpi celesti. Sulla parte davanti di questo blocco di bronzo era possibile notare delle iscrizioni del calendario greco ed egizio mentre le lancette mostravano le posizioni della Luna e degli allora cinque pianeti conosciuti. Sul retro, invece, due indicatori: uno mostrava un calendario di 19 anni e le Olimpiadi e il secondo quando ci sarebbero state eclissi di Luna e solari.

ZONE D’OMBRA – Da decenni il meccanismo di Antikythera non ha mancato di suscitare impressione ed interrogativi presso molti studiosi. La sua reale funzione è rimasta sconosciuta per lungo tempo, il suo utilizzo e fino ad oggi stato chiarito solo in parte. Infatti, ci sono ancora molte zone d’ombra sul funzionamento di questo strumento. Nel frattempo si sa che le poche incisioni decifrate sono una sorta di guida pratica.

Elmar Burchia
18 dicembre 2008

federico caffe’ new deal

Lo straordinario Maestro di Economia Politica e  politica economica, al 50enario della crisi del 1929 affidò a Rassegna Sindacale, la prestigiosa rivista della CGIL,  delle semplici note piuttosto taglienti: esse offrono una lettura istituzionalista delle politiche di risposta alla Grande Crisi.

Per realizzare il suo programma riformista oggi, occorrebbe dimenticare per sempre il federalismo,  evitarlo come la peste in una Nazione sbracata, che ha perso il grande  treno moderno degli Stati Nazionali. Il suo, non l’ha mai costruito: ed ora dovrebbe pure smantellarne i pochi pezzi funzionanti e le risorse scarse, per consegnarle ai RAS locali della Lega venuti dal nulla e nemici della Patria; o ad inaffidabili satiri narcisi come Cacciari e Chiamparino, che non rispondono del loro operato a nessuno, nemmanco a se stessi, per note psicosi croniche ed  incurabili? Un’operazione del genere, e’ il marito che per far dispetto alla moglie  …

Quando il centro-sinistra tornerà al governo, tra 2, 4 o 8 anni, certamente attuerà una coerente e profonda, sistemica riforma per l’accentramento digitale efficiente, al servizio del cittadino. Il problema non e’ abolire le Provincie (e’ discutibile che esse davvero esistano: ci sono si degli uffici, ma come essenze,  Istituzioni?), ma di ABOLIRE LE REGIONI. Per fare  tabula rasa, ricominciare daccapo e stavolta rispettare il dettato costituzionale assieme allo Zeitgeist del 3° Millennio. Senza assumere tassativamente nessuno dei precedenti dipendenti nelle  Regioni Neo-Centraliste (come avrebbe dovuto fare CAI con Alitalia): tanto la sinistra avrà  già istituito il Salario Sociale erga omnes, e nessuno potrà agitare il solito ricatto parassitario, pietistico e reazionario dei posti di lavoro.

Per abbeverarsi alla fonte della sua intelligenza, 2 paginette che ritornano assai preziose –  con una crisi molto più profonda nel 2009 rispetto al 1929:

FEDERICO CAFFE (1979), Son passati cinquant’anni

http://archivio.rassegna.it/2007/archivio/articoli/caffe.htm

Italy in general strike against M Tremonti’s kafkian procyclical plan

PER UN COMMENTO IN ITALIANO

ALLO SCIOPERO CONTRO IL GOVERNO KAFKIANO: GOTO

uno sciopero contro lo sciopero della Ragione

20_mascarete-a-boogna-el-dodezeall the photos in this post: from the 200,000 people today in Bologna (top of the 1.5 million in Italy). Photos Eikon from

http://bologna.repubblica.it/multimedia/home/4069354/1

We already knew the Italian Government, as far as we know a  unique case in one of the  deepest ever recessions, was doing nothing, just words and words. Unfortunately the Trade Unions front broke up, AND ONLY  THE LEADER TU, CGIL (traditionally linked to the socialist and communist party, in the past decades) and the new, 1968 rooted and radical CUB (but not CISL and UIL) are calling today, Friday Dec. 12 a general strike for an effective policy anti-crisis, and for the burden not to B entirely on the workers’ shoulders.

The day before the strike, something really absurd, amazing and Kafkian was discovered by the Parliament staff, and publicised by Bocconi economist Tito Boeri, the animator of the alive site lavoce.info. On the PD  (Democratic Party) daily “L’Unità” and other Italian newspapers, Boeri explains that the Tremonti supposedly stimulus plan, after shrinking and shrinking in a few days from the original €80 bn and getting to 0, finally changed to a negative sign.

12piazzamaggioreTremonti Plan IS ACTUALLY PROCYCLICAL: THEREFORE IT  WOULD WORSEN  the STAG-DEFLATION calamity in our national economy, not even providing any social protection for the further  unemployment it will yield. In fact, the Plan modifies the Govt. Budget with a net positive variation (more new taxes than expenditures) of €390 million, while EU – slowed down by Ms Merkel –  is increasing net expenditure towards €1 tr (0.2 tr coordinated by Bruxelles, plus all the national measures and plans), and the US are already over $2 tr.

Even Ms Merkel, while resisting State expenditures with the usual  crazy German  monetarist mentality, even craziest in Times of Stag-deflation (Roubini): even Ms Merkel, perhaps for a sense of being guilty, is planning a SHORT LABOUR WEEK plan: the State will pay the unworked  5th day salary, not the  firms, so that the unemployment bubble of the next few years would be “shared” in solidarity.

TREMONTI IS MUCH WORST, with no ethical restraint and full powers (actually more than a President in France and US, although unofficially, Italian Style); he is the man in command now: Berlusconi is his PR man.

13piazzamaggiore

You find the links to Boeri’a analysis (IN ITALIAN) either at la voce, going to Dec. the 11th in the calendar u find there,  or as a link from our deeprecession blogpost (IN ITALIAN as well):

uno sciopero contro lo sciopero della Ragione

where you find also this  leaflet full of colour and some Applestyle editing:

oggi si sciopera e si va in piazza con CGIL e CUB

per salvare l’Italia, per i nostri figli e nipoti

Here, the green – white – red colours of our National flag are on purpose. The Berlusconi Government  is contradicting every  possible logic, Reason itself,  and betraying our country. Today not just the left will be walking in the streets and most beautiful squares, but many moderate and patriotic people as well. Bipartisanship is not an Obama’s monopoly, after all.

IL CAVALIERE E’ UN’ANATRA che comincia a zoppicare

La buccia di banana di un  banale e scontato raddoppio dell’iva sulla concorrenza

3 dicembre

Bruxelles taglia la testa al toro Murdoch: se non interveniva il governo italiano, avremmo aperto una indagine per violazione della concorrenza (IVA = VAT al 10% anziche’ 20% nella TV digitale: Sky)

PICCOLO PARTICOLARE, UN DETTAGLIO: Bruxelles avrebbe preferito pareggiare a 10%, autorizza gli Stati a farlo (tagliare l’iva: zanicch, zanic) e CHIUNQUE, di qualsiasi scuola di pensiero (da von Hayek a Mao Zedong) oggi in pieno Tsunami di Stag-Deflazione RIDURREBBE, NON ALZEREBBE  L’IVA (Zaniccona). Ma la magnifica coppia “Cavaliere Dimezzato – Tremonti Triplicato” (in poteri rispettivi) sfugge alle logiche comuni, si sa. Loro sono hegeliani di destra.

2 dicembre 2008
[Silvio Berlusconi]

BERLUSCONI MESSO A NUDO RIPETUTAMENTE DA TREMONTI

IL CASUS BELLI DELL’ IVA A SKY DAL 10 AL 20% LO METTE K0

UN NEURONE IN PIU’, E METTEVA IN DIFFICOLTA’ IL PD

Oggi, 2 dicembre  (si stappi il Prosecco) e’  finalmente iniziata la tanto attesa traiettoria di catastrofe e fulmineo, auto-catalitico  declino del peggior Premier della Storia d’Italia (bella gara con  IL DUCE !). Ma di lui nessuno si ricorderà più; lunga parentesi da scordare, come GWB.

Grazie alla  BENEDETTA crisi mondiale (d’istinto,  l’abbiamo subito AMATA, pur sapendo bene che non ci liberava dal Capitalismo; e non solo per un evoluzionismo – Schumpeterismo che unisce le destre e le sinistre SANE  per un mondo più libero. Adesso sappiamo perche’ le vogliamo tanto bene), non arriverà a governare il BelPaese a dicembre 2010 (partono i Futures: via!).

Fosse per le amebe che l’hanno eletto, saremmo una Monarchia di Arcore e ci beccheremmo la figliolanza di tutti i suoi  matrimoni. Tipo il figlio del ducetto padano ribocciato.

SCENARI

L’ITALIA SI STA AVVICINAND  A PASSI DA GIGANTE ad un redde rationem. Siccome la sinistra da noi non c’e’, s’e’ bevuta pure lei gli ultimi neuroni, si ripeterà con altri protagonisti un caso palingenetico tipo Tangentopoli, ossia il peggio non ha fine? W LA DC!

IL PRIMO COGLIONE CHE PASSA DI LI PER CASO, s’inventa un qualsiasi populismo d’accatto, rimasticato, scopiazzato  da THINK TANK coordinati da Tremonti.  Al confronto, la creazione di Forza Italia all’ufficio marketing di Mediaset sembrerà  agli storici futuri  l’ultimo atto del Rinascimento Italiano creativo, sulla linea arabeggiante di Dante e neoplatonica di Giorgione.

IL POPULISTA PER CASO CHE VERRA’  (LEGGE DI MOORE):  ora il Grillo punture di spillo e  l’amorale retrò Di Pietro sono in pole position, ma il primo famoso-dell’isola,  rockstar, Olimpionico che ci prova li  dribbla senza sforzo: meno neuroni ha, meglio e’  – scatta il meccansmo Dostojevskiano di immedesimazione. Il primo che occupa il vuoto  a destra, centro e sinistra governerà l’Italia:

– dal 2010 (elezoni anticipate secondo i Futures, anno + gettonato)

– con gli eredi, al 2060: anno critico previsto da tutti i modelli del riscaldamento globale e QUASI CERTO come anno mediano – probabilisticamente – dell’invasione aliena da altri PLURIVERSI, via buchi neri rivitalizzati dal  CERN;

– solo con lievi, minime modifiche alle norme relative – nessuna Bicamerale. Pare gli alieni siano di destra, e faranno del loro meglio per  prolungare il CAPITALISMO di un altro  secolo. In tal caso la meritoria opera di pulizia della monnezza iniziata da Marx e Lenin, terminerà nei tempi storici normali, nella media: 3 secoli dal 1848,

LA GIORNATA

Oggi: straordinaria sceneggiata tra la valanga verde-azzurra Tremonti da Bruxelles, e l’ oddio m’e’ finito il Viagra del NANO-CAVALIERE MINIMIZZATO,  dimezzato a più riprese. Il quale si spostava in giornata da Tirana a Roma, senza mai azzeccare una dichiarazione. Con ancora 12 neuroni aveva inventato Mediaset (anche se  in Francia e Spagna la TV delle tette  non piaceva, chissà perche’),   ora i neuroni ed anche gli embrioni sostitutivi sono finiti.

DIALETITCA Hegeliana, ovvero: quando i neuroni rimasti sono meno di 3.

1) Alla mattina di martedi  2 nov. da Tirana  il  Cavaliere ¼  calerebbe pure le brache a Murdoch (che fa lavorare per se’  2/3 del PD), a prova del fatto che il caso richiede, più che impianti sul cuoio capelluto, inneschi sotto-cute  di neuroni e neutroni!

2) Da Bruxelles il DELFINO EREDE sempre più Brutus, infido e privo di rispetto, dice che Prodi, cambiando cappello tra Bruxelles e Roma, s’era impegnato con se stesso a livellare al 20% l’IVA di Murdoch  – prima ancora che il Magnate Aussie  sbarcasse in Italia (si sa che il  Professore ha dimestichezza coi tavoli spiritici).

3) EDITTO DI PALAZZO GRAZIOLI: incazzato come una jena per la N.ma smentita (13 in 3 giorni) e scavalco a dx di 3monti, il NANO-CAVALIERE perde le staffe davvero, e stavolta non per sceneggiata. Si fa male da solo   ATTACCANDO LA GRANDE BORGHESIA  che non l’ha mai ammesso al tavolo buono. Mò s’e’ giocato l’ultima wild card ed e’ un piccolo malavitoso fatto da se, per sempre PRIGIONERO DELLA SUA BIOGRAFIA PROSAICA ED IMPRESENTABILE (avete presente la  politica biografica di Obama di cui parla il libro di Giuliano da Empoli? Il Cavaliere a raccontare che come cabarettista spacciava coca sulle navi crociera, poi ha fatto carriera: ripuliva £ della mafia e diveniva  un protetto di Craxi, che gli garantiva un monopolio TV per decreto …).

Tuona il NANO (no, non  Brunetta: Renato lo conosciamo bene, e’ una persona colta, gentile e normalissima; l’Espresso ha provato ad infangarlo ed ha dato buca):  EDITTO DI VIA GRAZIOLI.

“Vergogna!  politici e  direttori di giornali (CorSera, La Stampa), cambiate mestiere, andatevene via!”

● Perche’ avrebbero fatto una cronaca inglese ed  imparziale del duro BRACCIO DI FERRO DUOPOLISTICO TRA MEDIASET E MURDOCH –  SKY (questi hanno  cazzeggiato su un’inesistente  “tassa alle famiglie”, con spot infami: in uno Stato democratico senza conflitti d’interesse, gli si spegneva la rete per  tali deliri. L’iper-miliardario incameri l’iva in una riduzione delle tariffe, se ama  davvero le famiglie italiane!!!)

● aveva GIA’  calato le brache sia all’avversario mortale Murdoch sia all’innocuo Veltroni  – senza nemmeno sapere  bene di cosa si stava parlando  (l’ha detto lui)

● Tremonti l’ha umiliato da Veccho S-Viagrato qual’e’, il Nanocavaliere sull’orlo dell’impotenza politica.

NOI NON TACCIAMO PER CARITA’ DI PATRIA SUI TANTI PD dalemiani margheritini e veltrusconici: chiunque sia sia pronunciato pro-Murdoch (Veltroni per 1°) e’ un VENDUTO.

LA VENDETTA E’ UN PIATTO CALDO. MERCOLEDI 3 DICEMBRE:

CORSERA, editoriale del dir. Paolo Mieli “Il mestiere di un giornale”. Con la flemma ironica che fa schiattare gli avversari: noi tiriamo dritto, insensibili all’editto bulgaro di via Grazioli, “anche se qualche volta ci capita di dispiacere al capo del governo in carica”. Furbetti del quartierino, re del mattone, assalti all’arma bianca ad RS ed ancora non si riesce a licenziarlo, ‘sto impunito !!!

IL RIFORMISTA: COMANDA LUI – foto di Tremonti –  prova di forza tra i 2 PREMIER.

LA STAMPA. Editoriale: “Silvio Berlusconi  capo  del governo italiano e proprietario Mediaset”. NB: quando il Brasile era una  evoluta repubblica delle banane (mai succursale di Washington come in Centro America), prima di JFC e Lula, i Marinho di Rede Globo (Jardim Botanico, Rio) lanciavano i presidenti post-gorilla militari, ma mai uno di famiglia!  Quando gli e’ andata  bene – Collor de Mello – s’e’ rivelato un boomerang e si sono ritirati in buon ordine. Brasile – Italia 5-0.

NANO-CAVALIERE: quando qualcuno (Tremonti no) lo informerà che l’IVA sui giornali e’ al 4%, se sopravviverà al coccolone o  scoppio di bile (i Futures dicono di si) porrà la fiducia sul DECRETO DI NAZIONALIZZAZIONE  di Gruppo Fiat ed RS-Mediobanca. La Mi-To repubblicana, che si ostina a non riconoscere la sovranità di Arcore. Al Cav. impotente resterebbe solo una carta: farsi incoronare Re dal Pastore Tedesco. Ma le divisioni del Vaticano sembrano flirtare con Casini – Magdi Allan – Montezemolo. L’Araba fenice di centro che cova sotto le ceneri. Se il Cav. avesse ancora almeno 4 neuroni,  non gli facevano un baffo, ma con la fine delle riserve di  Viagra ad Arcore tutto e’ possibile, anche  la rinascita della DC. Visto che il PD e’ in piena crisi  teen, adolescenziale di onanismo, e non sa nemmeno dove cominciare per occupare il centro vuoto.