Popephobia

Dedicato con amore assoluto (confuciano, giudaico-cristiano e kantiano: stessa cosa) ai miei cari 67 fratelli veronesi dell’Istituto Provolo:

alessandro vantini, dario laidi, gianni bisoli  – e gli altri.


ITALIAN SUMMARY:

SE QUESTA E’ UNA CHIESA.

Se questo è un uomo, diceva Primo. “Questo” non è un uomo: il mio fratello sordomuto dell’Ist. Provolo, sordo e\o muto dalla nascita o per incidente, nato verso il 1950  a Verona come me: lui NON E’ UN UOMO per il sign. bertone, Sancho Panza del vampiro PapaRatzi. Lo attestano, in alcuni drammatici punti chiave, le 86 pp. di doc del nyt (“the astonishing documents“) che passano già alla Storia come la SEPOLTURA DELLA CHIESA ROMANA sotto le sue deiezioni:

nonnoenzo > nyt ATTESTA Bertone:«a causa della loro menomazione» inadatti «a fornire prove e testimonianze senza aggravare i fatti» Se questa è 1 Chiesa


E questa è una Chiesa delle regioni salvifiche dell’età di Jaspers? Domanda retorica.

La Dowd (nyt)  avanguardia della rivoluzione sororista:

moltogatto@nonnoenzo erano suore pedo-berte, quindi pedo-filavano 😉

nonnoenzo@moltogatto dici pedofilia? Manovra delle femministe americane per far passare una suora papa -in realtà erano le suore che pedofilavano!

nonnoenzo

rt @MyPaesano Mistress of the Vatican: The True Story of Olimpia Maidalchini: The Secret Female Pope http://bit.ly/chRc3J


TWI-GIOCO – chiudere  il cerchio in 140 caratteri

nonnoenzo (twitter)

wordgame: pedofilia >piedofilo >scarpolino >zapatero >socialista >mangiapreti >vaticanista >culo in pista >ciulattone >PapaRazzi >pedofilia

The Daily Beast, April 3

AWKWARD
1.Vatican Defense Angers Jews

The Catholic Church is in plenty of hot water already this month over charges the Pope helped cover up acts by abusive priests, but a senior Vatican official has hardly helped matters by comparing the priests’ ordeal to persecution of Jews. Speaking at St. Peter’s Basilica in Rome with the Pope in attendance, Father Raniero Cantalamessa likened criticism of the church to “the collective violence suffered by the Jews” and said he had the support of at least one Jewish friend in making the connection. The secretary general of Germany’s Central Council of Jews, Stephan Kramer, told the Associated Press that Cantalamessa’s claim was “repulsive, obscene and most of all offensive towards all abuse victims as well as to all the victims of the Holocaust.” It’s been a Holy Week from hell for Pope Benedict—read about his six biggest crises.

Read it at The Daily Beast

April Fools day – Canta la Messa canta una trojata – parlan0 LORO, bastardi e culattoni: che per 2000 anni hanno perseguitato gli ebrei per deicidio, ed hanno ISPIRATO HITLER

Fool Padre Cantalamessa says, from the Vatican isolated fortress, that all the Cathò and laici criticizing their criminal defense of pedophiles are … anti-semitic! Fuck off. U R nazi, bloody children torturers!

L’Unità

«Contro il Papa e la Chiesa un attacco violento che ricorda l’antisemitismo»

02 aprile 2010

È in atto un «attacco violento e concentrico contro la Chiesa, il Papa e tutti i fedeli da parte del mondo intero. L’uso dello stereotipo, il passaggio dalla responsabilità e colpa personale a quella collettiva ricordano gli aspetti più vergognosi dell’antisemitismo».

Il pm di Milano: «La lista dei sacerdoti inquisiti per reati sessuali è lunga»

The Milano Tribunal representative says “I have a doubt. Many choose the priest profession in order to ..” (L’Unità, April 1sr). We never doubted that!

March 27 update

Very naughty question: from the “perfida Albione” where the retrò wing of the Anglican church…these fucking silly bastards, they want to enter into an already died Roman Church! A case of “amor mortis”.
nonnoenzo
ahah! Yes, the last 1 can @friendsofdarwin: BBC: Can a pope resign from office? http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/europe/8590308.stm
Answer: YES, possible (perfectly legal from AD 1294). NO: pretty unlikely motu proprio.

☮ ☯ ♱ ✍

Murphy’s Law is a bitch and PapaRatzi is his best client – by grace of this law, he’s heading for implementing the prophecy on the Last Pope (intimately linked with Fatima and Medjugorie).
When we read the March 25 nyt, our 1st reaction was: this is something – but NOTHING (except for the material proof of PapaRatzi’s personal implication); in Verona, at the Deaf Institute Provolo even worst happened, namely on the predators side: not just one, but AN ENTIRE INSTITUTION; dozens of priests and auxiliaries raped at least 60 boys, and at least one of them was regularly raped by the Bishop of Verona of the time, and no one ever paid anything for all that, revealed 1 year ago by L’Espresso.
The 26 night, very timely “Mi manda rai3” (a public broadcast for the people) has denounced the Verona case. Here’s a twit-chronicle of the emission.

What emerges is a strong parallel, because of Deaf victims and how the Catholic hierarchy despises such people as they were sub-humans (again, as they did in history with slaves and non Europeans), between the two paradigmatic cases: Mr Murphy, and Verona’s Istituto Provolo.
Let’s see how “il Tafano” blog (reporting Massimo Franchi, L’Unità) summarizes the 86 pages of nyt evidence:

Pedofilia di Lawrence Murphy: Bertone e Ratzinger sapevano

Dalla lettura integrale dei documenti pubblicati dal New York Times sul caso del prete pedofilo Lawrence Murphy, la gravità dei comportamenti di Monsignor Tarcisio Bertone (all’epoca segretario della Congregazione della Dottrina della Fede, presieduta da Joseph Ratzinger) assume un rilievo sempre maggiore. Colpiscono soprattutto le motivazioni con cui Bertone, in un incontro con gli arcivescovi americani venuti a Roma per spiegare la gravità dello scandalo, decide scientemente di non procedere nel processo canonico conto il Murphy, motivandolo con giudizi assai gravi sulle vittime sordo-mute, ritenute «a causa della loro menomazione» inadatte «a fornire prove e testimonianze senza aggravare i fatti».

Actually, what PapaRatzi and Bertone did to Murphy Law victims, more or less  the  Verona Diocesi Bishops and Curia did to the Istituto Provolo boys (of my age: the three at rai3  the 26 night were born in 1950). At the time, the Verona Bishop even raped one of them, Gianni Bisoli (while we have not yet such elements against PapaRatzi: he’s pro-pedophile, not pedophile himself). The parallel goes mainly with the despise and hate towards the HRs of the Deaf.
This religion is absolutely, definitely dead – when it comes to betray the hard core of the message of all the Salvation Religions, for the sexual hard core, it’s the end.

FOLLOWING THE SCANDALS

Posted by Amy Davidson
Two quick, non-comprehensive notes on resources for anybody following the (latest) Vatican abuse scandal:
Laurie Goodstein’s piece in the Times, which I wrote about today, is accompanied by a collection of pretty astonishing documents.
And Andrew Sullivan, perhaps needless to say, is on the case—see especially his post today on the Church’s category confusion regarding sin and crime.
• KEYWORDS Andrew Sullivan; Laurie Goodstein; Vatican; abuse
Previous ref.s:
BBC state-of-the-art from Ireland, US, etc. About Verona:
A number of deaf men have come forward to say they were abused as children at the Antonio Provolo Institute for the Deaf in the northern city of Verona between the 1950s and the 1980s.
The allegations were first reported in the Italian press in January 2009.
Later last year the Associated Press news agency obtained a written statement from 67 of the school’s former pupils naming 24 priests, brothers and lay religious men who they accused of sexual abuse, paedophilia and corporal punishment.
The diocese of Verona said it intended to interview the victims following a request from the Vatican to do so.
–  “Ratzinger e Bertone occultarono il caso” – the nyt revelations reception in Italy,  http://www.repubblica.it/esteri/2010/03/25/news/pedofilia_vaticano_nyt-2883760/
– everything starts, well just the current telenovela stage: March 25 nyt.
The personal role of PapaRatzi as Inquisition manager in pro-pedophilia has ALWAYS been known: we are just talking now of further details on a few cases, among many (e.g. in my towm, Verona, a bunch of priests have done MUCH WORST than the nyt case: really worst, and no one talks about). About his precedents as the MAJOR pro-pedophile in the Vatican hierarchy:
Molti ormai fanno riferimento alla «Epistola de delictis gravioribus» (Lettera sui delitti più gravi) inviata il 18 maggio 2001 a tutti i vescovi della terra con cui il cardinale Ratzinger blindava gli abusi sessuali del clero imponendo il «secretum pontificium» (segreto papale) e vincolando così al centro vaticano la competenza di tutti i reati sessuali ad opera dei religiosi di ogni parte del il mondo.
La definizione di «segreto pontificio» è stata firmata nel 1974 dall’allora Segretario di Stato, cardinale Jean Villot, dopo un’opportuna direttiva ricevuta dalla viva voce di papa Paolo VI. Il testo sottolinea che è assolutamente escluso che un argomento sottoposto a segreto pontificio possa essere portato a conoscenza di «estranei» cioè, per esempio, di polizia, carabinieri e magistrati o degli stessi genitori delle vittime dei casi di pedofilia del clero. L’articolo 3 della direttiva dice che: chi è tenuto al segreto pontificio ha sempre l’obbligo grave di rispettarlo e chi non lo fa rischia delle sanzioni vere e proprie. È proprio l’imposizione del «segreto pontificio» che il teologo tedesco Hans Kung, ha rinfacciato al papa.
Enzo Mazzi, il Manifesto – on the bloody “Pontifex secret” application to pedophily by PapaRatzi in 2001,
In PapaRatzi’s Church (a bit less ethical than a satanic sect), a pedophile is treated as an unauthorisedly married priest, i.e. much better than a socially engaged Liberation theologist, or a LA bishop (Romero) unaligned with Washngton DC  pensée unique.
From p. 81 of nyt doc, this nice letter from PapaRatzi’s shadow, Mr Bertone:
CLICK  in order to read better

Advertisements

raiperunanotte: mancavano l’Aldo e Sabina; ma Daniele da sbrego

Cos’abbiamo vissuto ieri sera, giovedi 25  h 9.30-0.30?

Mancavano giusto l’Aldo (@bettoliberati, h 0:37) e Sabina (@LeoCascone, h 3:35 pm)

Sarebbe come la caduta di Alice nel buco, ma siamo in 120.000 a cadere assieme, tenendoci per twitter.

E sempre sia lodato il fesso che per 8 anni ha pagato:

San Daniele Luttazzi

Santo subito, cinguetta @tweeflor; protettore del prosciutto ok: ma con Parma come la mettiamo?

Santo Luttazzi? estiquatsi, commenta  il  Gande Capo. Il  neo-Santo ha fatto un’opera d’arte col cesello, Buonarrotina. Il clou di una serata rilassante-e-tesa, che il popolo della rete ha vissuto sperimentando tutti assieme, e tutti per la prima volta lo Zen 2.0; i rif. generali sono vari:  l’ottimo @driedshitbuddha e @mukio su twitter,  o il neo-sciamanesimo di Michael Harner.

Ad es.,  il Maestro di @dried.. (merdasecca) ieri conversando accennava che una rete sociale  non sta nelle cose, ma esce da progetti e relazioni, e quindi sarebbe – nella sua visione – compatibile col particolare idealismo del Buddha.



Ma poi c’è un fenomeno nuovo, specifico su cui non c’è ancora molta letteratura DIRETTA, ma buoni spunti di analisi si: ci si gasa 1 casino in 100 a vedere una tappa di ciclismo sullo stesso pezzo di rete, come essere una sporca dozzina su una porno webcam (vedo che conoscete l’argomento, direbbe S. Daniele). Figuriamoci in 120.000 a condividere 2 hashtag in forma ipercompatta; e – qui sta il punto rispetto ad una folla, orda, sciame old fashion – non è solo un fatto mimetico à la Girard, sennò saremmo ancora nella mass culture del XX che rigettiamo: no, è chiaramente diverso. Non la facciamo lunga, perché qui siamo al cuore del FOCUS di questo blog: cosa sono gli Oceani Sociali,  con le loro maree,  onde e popolazioni. Ne riparleremo spesso.

E non ce lo dimenticheremo facilmente: c’è piaciuto! Come una terza fase anale…? 8)

25 Marzo ore 21:00. In diretta dal Paladozza di Bologna. L’informazione non si può interrompere in piena campagna elettorale, la stampa dev’essere libera, la democrazia non è transabile. Hashtag: #raiperunanotte #annozero della sinistra 2.0 – foto della piazza fuori sala, sopra: http://img202.yfrog.com/img202/1226/w9i.jpg by @deemo

ALTRI COMMENTI:

@rosy_bindi  http://bit.ly/b2Qzoh invita a leggere Michele Serra: un evento storico: la capillare messa in rete di un’infinità di media di piccolo e piccolissimo calibro…

france2: http://info.france2.fr/medias/marathon-televise-anti-berlusconi-audience-record-62134800.html

setmaat RT @madaisy PLAYLIST COMPLETA#raiperunanotte #freeitaly #annozerohttp://bit.ly/dyV6XQ -8:24 AM Mar 26th, 2010

CorSera: vari i dati di ascolto, comunque attorno al 15% di share (ma % varie in diversi àmbiti); ma la tesi nostra è un’altra; lo sciou ha unito un ascolto di massa, che più multi-media non si poteva, ad una forte verticalità relazionale

Non leggere questo Blog! Raiperunanotte! Ecco l’intero evento su Youtube … http://www.youtube.com/watch?v=p6VXJcaUp7M

Fruttainpezzi #raiperunanotte “molto più interessante x le modalità di fruizione che per i contenuti” via #AldoGrasso#corriere http://tinyurl.com/yebomb8 -4:06 PM Mar 26th, 2010

luigiscerre esiste un sito per scaricare dei tweet in formato testo ? mi piacerebbe raccogliere tutti i#raiperunanotte -4:02 PM Mar 26th, 2010

LeoCascone Eppure mancava una cosa ieri sera a#raiperunanotte: Sabina Guzzanti. http://ff.im/ia7Gy#annozero -3:35 PM Mar 26th, 201

tweeflor RT @lorenzoamisano: Luttazzi è 4° TT in UK e London!#raiperunanotte 6a in Ireland-per coincidenza fuso orario,emigranza e fratellanza #annozero (via @tweeflor) -2:38 PM Mar 26th, 2010

tweeflor RT @tanzmax: RT @tweeflor: SanDaniele “osceno” x il Giornale – e Ratzi e Bertone pro-pedofili sono una bella vista? #annozero -2:38 PM Mar 26th, 2010

la comica face-cronaca di spinoza.it, ossia la critica comica dei comici

Mario Adinolfi trova che lo show del Paladozza sia stato meraviglioso, il 13% di share è un premio e anche il racconto di un futuro possibile per l’intersezione tra web e tv,ma è ovvio che quella roba lì in Rai non si può fare (non si potrebbe fare alla BBC, non si può fare in alcuna tv di servizio pubblico pagata dagli utenti), quella roba lì è show da tv privata e ora forse bisogna uscire da MammaRai e provare una nuova avventura

@elisatron #socialnetworkdipendenza “queste dinamiche psicoemotive si basano su qualcosa di virtuale, dando in tal modo sicurezze e autostima fittizie”

Ma è vero, come ha detto un Luttazzi in forma strepitosa, che Berlusconi ha promesso “sgravi fiscali alle donne che si depilano le vagine”? (“Raiperunanotte”, 25.03.10, ore 22 e 35) – Giuseppe Tubi \ via dagospia

tweeflor RT @PazSpinelli@tweeflor Twitdivano mi pare un nome appropriato, vi immagino spaparanzati sui sofà a spippolare sui vostri cell 🙂 #annozero -2:53 PM Mar 26th, 2010. Ecco il twidivano, accomodatevi:

http://www.walkongrass.com/2_hashtags.htm


TWELE CRONACA IN DIRETTA: 1 florilegio da

real-time results for #raiperunanotte

3:07

elisatron RT @Gaudo@raiperunanotte fate dire a Santoro che la comunità italiana di twitter non è mai stata così compatta intorno a un hashtag!! #raiperunanotte

kumikoh ha visto troppe facce intelligenti e incredibilmente giovani,riunite in una sola piazza.va a dormire per superare lo shock #raiperunanotte

2:10

lullofish RT @Nanoalto: Vauro “Minzolini dice che non ha peli sulla lingua.. si vede che Berlusconi si è fatto la ceretta al culo!” #raiperunanotte #annozero -2:10 A

1:05

nicola_favero Da questa sera Berlusconi è storia. Ripeto. Da questa sera Berlusconi è storia. #radioLondra#raiperunanotte

Alexis_92 RT @raiperunanotte: Benigni: io volevo avere la libertà di non vedere Santoro… e invece niente!#raiperunanotte

sweetpoison_ #raiperunanotte Intervento di Luttazzihttp://bit.ly/cvXKgp

rosarusso09 Fwd: e ora mi guardo luttazzi#raiperunanotte http://www.youtube.com/watch?v=7Dh_UZS1MLA&;feature=youtube_gdata… http://ff.im/i7KEw

00:45 am, 26 marzo

skyliuker la reazione del Giornale http://tinyurl.com/yeos9sj#raiperunanotte

valentinasole80 RT @stronzella bello spettacolo, adesso però proviamo ad alzarci Domenica e ad andare a VOTARE con lo stesso ardore ! #raiperunanotte

elmook RT @sweetdreamerit: 120.000 contatti per lo streaming internet di #raiperunanotte . la questura ha chiesto cos’è lo streaming 🙂

Buseug RT @enr1Co: Dear Tweeter, we are in Italy. Need you to help #raiperunanotte to become a trending topic against our government censorship. Please RT!

fastenos RT @dodyci: 562.260 persone hanno scelto la libertà #raiperunanotte

Alyss_ Meravigliaaaaa #Raiperunanotte *_* miraccomando la dobbiamo fare tutti fuori dal vaso xD

jeffnonato RT @ipodmania: twitter è comunista!! a causa di#raiperunanotte 😀

annacaprarelli qui c’è tutto 🙂 http://bit.ly/96QvM2#raiperunanotte

myminimallook RT @drone_drone:http://www.youtube.com/watch?v=7Dh_UZS1MLA#raiperunanotte

ilanicos RT @currentitalia: Siamo onorati di aver fornito la connessione satellitare affinché tutte le TV potessero trasmettere #raiperunanotte

stronzella RT @quelmitodivito@linux29 elio e le storie tese a#raiperunanotte http://bit.ly/bv9OMs

danieledimauro @maghetta i tuoi baci e #raiperunanotte …. che serata, potrei anche morire adesso XD :*

LA RITWOLUZIONE SARA’ MOLTO ROMANTICA, COME 2 SECOLI FA

troopy78 «Odiare i mascalzoni è cosa nobile» #quintiliano citato da #luttazzi#raiperunanotte

Flocca TG3: “erano otto anni che (Lutazzi) mancava dalla TV pubblica”. Ah perché stasera c’è tornato? #raiperunanottehttp://ff.im/-i7Ka0

rosarusso09 Fwd: e ora mi guardo luttazzi #raiperunanottehttp://www.youtube.com/watch?v=7Dh_UZS1MLA&feature=youtube_gdata…http://ff.im/i7KEw

Cremaxi Machissenefrega, io mi riguardo #raiperunanotte su@rainews24

pentaduo #raiperunanotte e’ verissimo..la faccenda di #Traniè peggio del #Watergate !! (ndr – noi l’avevamo detto SUBITO, quasi da soli:

2010/03/12/scoop-il-fatto-dellanno-ormai-e-impeachment/ )

bisi_heisenbug RT @giankyb1: L’uso che Masi, Innocenzi e Berlusconi hanno fatto della televisione pubblica pagata dagli italiani è un uso criminoso #raiperunanotte

nomoreme Trend for #raiperunanotte:http://trendistic.com/raiperunanotte/_24-hoursraggiunto lo 0,19% dei tweet mondiali

LaSinistra Se l’opposizione la lasciamo ai comici finisce male. per noi. stasera la _cosa_ che è successa è qui. in twitter. #raiperunanotte – merci

lamentesonoio Mi par di sentire il tripudio e l’esultanza di chi ha dato la vita per la libertà di parola in Italia. La parola crea. #raiperunanotte

angelo_istos Mai come stasera la potenza del Web mi ha fatto venire i brividi…mamma li turchi… #raiperunanotte

mad84 ma davvero rainews ha censurato luttazzi? e che senso ha? e soprattutto perchè continuo a chiedermi il senso di questi atti? #raiperunanotte

bettoliberati #raiperunanotte Luttazzi grandioso, Morgan da cancellare, Busi grande assente – 12:37 AM

BETTO MERITA LA FOTO-LOGO, PERCHE’ HA CENTRATO UN PROBLEMA. PERCHE’,  accanto a Gillo Dorfles, non avvalersi anche di Aldo per ricercare una Nuova Cultura? Proprio oggi che i clericosfascisti del Foglio danno a lui et al. dei pro-pedofili; a tutti meno che all’unico PROVATO: il loro RATZI e la sua ombra.

bongfactory RT @nomoreme: RT @xlthlx: Shared: E’ nata una nuova informazione http://bit.ly/9eih5X#raiperunanotte

Skyflash seguita tutta dall’inizio alla fine. Eppure non sono comunista ne’ di sinistra. Viva la libertà! #raiperunanottee’ la #wired televisiva

moon_lite_blue RT @gentas55: “Minzolini, Masi, Berlusconi hanno fatto della tv pubblica un uso criminoso” Daniele Luttazzi ‘aspettavo di dirlo da 8 anni’ #raiperunanotte

myminimallook RT @ilveneziano#raiperunanotte#current_ due indicazioni su tutte: rivogliamo luttazzi – donne boicottate omsa e golden lady http://ff.im/i7Gbw

(ndr non son più i tempi che Busi faceva  il commesso viaggiatore dei collants)

UberFrau RT @xel1980: E dopo #raiperunanotte resto su@CurrentItalia… che è la mia TV preferita

RoldanoDePersio RT @viralavatar#raiperunanotte#Luttazzi già su #Youtubehttp://www.youtube.com/watch?v=KAC6RKG-PEs&;feature=youtu.b

00:30 am, 26 marzo

FrancescaTosi RT @viralavatar: pare che #raiperunanotteabbia avuto successo. Da domani mi sa che per trasmettere in streaming ci vorrà un’autorizzazione ministeriale

tanzmax RT @matteobaldan: quel poco che ho visto di#raiperunanotte è pura tv generalista, un po irriverente, ma in fin dei conti rassicurante

ipodmania RT @melamela: non stavo così attaccata alla tv da quando Nilla Pizzi ha vinto il festival di sanremo. BN#raiperunanotte

Mariland1 Vi siete persi Luttazzi? Già in rete..http://www.youtube.com/watch?v=7Dh_UZS1MLA#raiperunanotte

FrancescaMura RT @rosarusso09: dalle 21.00 alle 00.24… neanche uno spot… incollata al mio pc! #raiperunanotte

bolsoblog #raiperunanotte Piazza Azzarita a Bologna contiene 1 milione di persone, misurate con la densità di Piazza San Giovanni a Roma.

GiacomoCannelli Rai taglia luttazzi con un servizio sul papa proprio mentre si parlava di sesso anale. Ehm.#raiperunanotte http://tweetphoto.com/15794842

CULO SCACCIA CULO?

turiprivitera Masi da notte! Vauro da antologia! E sia chiaro che stanotte piscio anch’io fuori dal vaso! –#raiperunanotte

COSA E’ ACCADUTO?
#annozero ospite da #raiperunanotte a Bologna. Un salto di qualità (dietro ai, ed oltre i numeri da record: 120 k contatti e 100 tweetie al secondo), una brusca VERTICALIZZAZIONE di tipo “zen 2.0” del mondo web 2.0 italiano.
SENZA o con assai pochi PRECEDENTI,  e solo vagamente simile ai ragazzi in lotta in Iran in tutt’altro contesto; in un certo senso vale IL CONTRARIO:
1) lì la lotta  è fisica per le strade, ed il web fa supporto logistico;
2) qui  è il contrario; la piazza di Bologna  è il “punto di appoggio” per fare leva e rovescare il mondo reale in quello virtuale.
Sarebbe come la caduta di Alice nel buco, ma siamo in 120.000 a cadere assieme tenendoci … per twitter

OMSA:
CHE
GAMBE!
Le operaie in lotta

in difesa di Aldo

AAA Ammore cercasi

AA Aldo-Aggiornamenti

Dopo le dichiarazioni rilasciate all’isola dei famosi che lo hanno fatto radiare dalla RAI, Aldo Busi ha trovato un nuovo illuminante lavoro: curare la posta del cuore per il giornale Rolling Stone.
«Ho sempre una profonda ammirazione per chi sceglie me prima di chiunque altro – commenta Busi ironicamente -. Avendo io solo vissuto di amori degli altri e non avendo alcuna esperienza personale in merito, sono l’unico in grado di dare un giudizio obiettivo al fine di rovinare del tutto le vite dei sentimentali che si rivolgeranno a me». Le lettere indirizzate ad Aldo Busi vanno inviate a postadelcuore@rollingstonemagazine.it.

Dopo le dichiarazioni rilasciate all’isola dei famosi che lo hanno fatto radiare dalla RAI, Aldo Busi ha trovato un nuovo illuminante lavoro: curare la posta del cuore per il giornale Rolling Stone.«Ho sempre una profonda ammirazione per chi sceglie me prima di chiunque altro – commenta Busi ironicamente -. Avendo io solo vissuto di amori degli altri e non avendo alcuna esperienza personale in merito, sono l’unico in grado di dare un giudizio obiettivo al fine di rovinare del tutto le vite dei sentimentali che si rivolgeranno a me». Le lettere indirizzate ad Aldo Busi vanno inviate a postadelcuore@rollingstonemagazine.it.

Altra novità: oggi 26 marzo dagospia dice che la Ventura si scatenerà contro la censura.

Aldo, dopo aver nominato PapaRazzi com’è e sa di essere: omofobo (ascolta l’audio) ed esser stato (o essersi?) cacciato dall’isola, è rai-ato da tutta la rai in se-cula se-culorum… Ora dovranno radiare pure Hans Kung, o mandarlo all’isola per tener su l’alfabetismo?

L’Inquisizione  è una sfaccimma di tela di Penelope!

Simona, dopo aver inseguito invano tutte le provocazioni di Aldo, attacca la censura, ma non ha coraggio di batter i pugni e minacciare di chiudere la trasmissione. Dagospia.com osserva laicamente e puntualmente:

BUSI E TROPPI ABUSI – LA RAI IPOCRITA: PRIMA ACCETTA IL ‘FROCIO’ CHE FA SHARE E POI SFANCULA L’ALDISSIMO DA QUALUNQUE PROGRAMMA DI VIALE MAZZINI – MA CHE NON LO SAPEVANO CHE AVREBBE PRESO PER IL CULO IL PAPA, BERLUSCONI, I GAY (R. Zero, ndr) COL FIGLIO ADOTTIVO, I NAUFRAGHI MINUS HABENS? ANZI, DOVREBBE ESSERE SCRITTO NEL CONTRATTO..

E qualche clausola segreta c’era davvero nel contratto: ovvio!

Pezzi di merda, giù le mani dal più grande scrittore italiano contemporaneo (con un paio d’altri, ad es. l’autore di Orcynus Orca, l’Odissea dello Stretto), e beccatevi ora gli share di noja che vi meritate… L’isola resta a bellezze al bagno come Ivana e Sandrocchia. Purtroppo il timing c’ha rubato il TOP del TOP: lo scontro Aldo – Ivana Trump! In compenso ora restano solo le comparse, la trasmissione è zombie. Bobo by Staino, L’Unità del 19:

MUST

I primi 2 romanzi di Aldo sono il massimo, e ci hanno portato sulla frontiera della letteratura mondiale:

– Seminario sulla gioventù (1984); ri-ed. con Seminario sulla vecchiaia (2004) – Adelphi;

–  Vita standard di un venditore provvisotio di collant (1985; ri-ed. 2002) – Mondadori, ora negli Oscar.

Speciale la sua traduzione di “Alice”, attenta a ricostruirne i giochi linguistici che son tutto. Meglio del film.

E la crisi, Maremma Majala? Ndè in mona…

TREMONTI LA RIPASSA LISCIA ANCHE IERI ALLA CAMERA: MA VAFFA! La politica è morta.

Ho sempre pensato a questo problema: che persino Trani (pur con tutto lo spaccato gustoso del potere che offre), nel TRITACARNE dei MEDIA BORGHESI (di dx o sin) diventava 1 altro alibi, persino con possibilità di portar voti al tragicomico aspirante dittatore – il bilancio è dubbio, si vedrà. Il Cav. prova e riprova a stracciarsi le vesti – stavolta però perde voti di brutto verso l’astensionismo, è la sensazione pure sua. Ma occorrerebbe simulare AS IF:  se, non bollettini delle Procure, ma bollettini delle Camere di Commercio e del Lavoro, avessero parlato di, e messo al centro, l’imprenditore di Vicenza che s’è suicidato. Ed altre storie vere come questa. Andé tuti in mona, giornaisti pajasi\ andate affankulo, giornalisti pagliacci – né più né meno dei vostri consoci, gli osceni politicanti!

E TEMEVO assai, COL MIO STESSO BLOG-POST linkato sopra DI PARTECIPARE A QUESTO GIOCO AL NASCONDINO DELLA CRISI: solo in questo blog, perché l’altro (DEEPRECESSION) è sempre stato, da gennaio 2008 ad oggi all’avanguardia mondiale delle analisi  sulla crisi; l’ha anticipata di interi semestri – ad es. dicendo PER TEMPO che Lehman Bros era morta ed “inventando”, coniando Financial Socialism, poi imitati al Senato US.

Isola dei politici VS isola dei Cassaintegrati.

Infatti:  Tremonti incula ancora tutti (i vacui politicanti) col suo sgattaiolare via, ha usato ieri la parabola alla Camera “Potete dire che ho fatto poco, non che ho fatto nulla“, mentre lui ha fatto MOLTISSIMO: x AGGRAVARE LA CRISI, di anti-keynesiano per deprimere la domanda effettiva in piena crisi mondiale GRAVISSIMA. Il – 6% del PIL anziché  -3% è assolutamente un SUO MERITO PERSONALISSMO, per il quale è – avrebbe detto il più grande uomo di teatro italiano, dopo Pirandello – già passato alla Storia. Ma, più grave, la industria manifatturiera naviga a solo 2\3 della sua capacità TUTTORA, e tra 10 anni non si sa dove sarà:  forse, non in ogni settore sarà tornata al 2008. Solo nel made in Italy ed altri punti di forza, mentre la chimica già al lumicino scompare, ecc. ecc.

Se politiche keynesiane standard in Italia (e SOLO IN ITALIA, nel mondo intero) non si conoscono, figuriamoci POLITICHE INDUSTRIALI, che non necessariamente sconfinano nel gollismo protezionistico. Di quelle  è scomparso. assorbito dal Reagansmo subliminale della ex-Sinistra, il lessico stesso, come osserva Sergio Bologna nel suo ultimo libro.
NON CI SON CAZZI: qui la colpa è tutta della ASSOLUTA MISERIA della sinistra, ridotta all’ombra di se stessa. MAI scomparsa così, nella sua stesa sostanza Tomistica. Voglio dire, quando il PSF era nella merda dopo la buccia di banana di Jospin (da cui il Partito è rinato domenica, MA SON PASSATI ANNI DURI), uno straccio di programma l’ha sempre avuto: magari sbagliato, vetero-socialista. L’analisi della crisi l’ha certamente TOPPATA: ma esistevano dei documenti criticabili, pubblicati dal PSF. Nulla di tutto ciò in Italia, e da nessuna componente della sinistra.  SOPRATTUTTO, mai dalle componenti più IMBECILLI e VACUE dei Grillini-IdV, che purtroppo (spacciando per novità il loro populismo marcio e finto-verdismo) sono di riferimento pure per i Viola – il che non va certo a merito di questi ultimi.

In Italia, no: nemmeno l’ultimo governo Prodi aveva un programma – e come poteva?
E Prodi resta l’unico politico degno che s’è visto sinora, nel secolo Berlusconiano testé iniziato.

Aldo Garzia:

Tutta l’attenzione su Trani e Talk show. E la crisi economica scompare

Nel pieno delle polemiche istituzionali, dalle 16 alle 19 di ieri si è svolto il dibattito in Aula a Montecitorio sulla crisi economica (presente Tremonti, assente Berlusconi). L’iniziativa, proposta dal Pd, si sarebbe dovuta svolgere la scorsa settimana ma i tesi rapporti tra maggioranza e opposizione che hanno allungato i tempi di discussione su altre questioni l’hanno spostata di giorno in giorno. Ciò che in altri Paesi europei di solito si chiama “solenne seduta parlamentare sulla politica economica” si è trasformato in uno stanco dibattito di fine giornata, alla vigilia della sospensione dei lavori della Camera fino a dopo Pasqua per via della campagna elettorale per le regionali. Chi se ne frega, infatti, se il Pil italiano è crollato del 6% (a fronte della riduzione del 3,8% della Germania e del 2% della Francia) e tutti i numeri economici sono in rosso. – http://www.gliitaliani.it/?p=2426

Mail del PD, che si accontenta di poco

dopo 22 mesi di sforzi e districandoci tra processi brevi, medi e lunghi siamo riusciti a far parlare per ben 3 ore Berlusconi e Tremonti di crisi economica e sociale in Parlamento. Lo abbiamo chiesto con insistenza ma come ha detto Bersani “il governo si è presentato solo con parole, senza proposte. Invece senza lavoro non c’è Italia. Noi stiamo con chi non ce la fa”.

Su www.partitodemocratico.it trovi l’articolo, il video e il discorso integrale di Bersani.

MORE:

i terribili enfants (cresciutelli, ma sempre metà dell’età media degli Ordinari in Italia, che all’estero non vorrebbero come bidelli: 5o versus 100) di Noise from Amerika (più kattivi dei bobobo bokkoniani de La Voce, e pure dei Kalecki – keynesian -marchesisti -lieninisti) mettono a nudo Tremonti. Cercasi foglie di fico e mutande per il ministro s-mutandato! (NB: bobobo=versione meneghina del BOBO international: Bohemien Bourgeois e pure Bocconien – proprio tutte le sfighe possibili! Se erano normali, stavano al Poli)

a) il sito dei sovversivi economisti extra-comunitari “a rovescio”: NfA – www.noisefromamerika.org/  e http://www.noisefromamerika.org/index.php/base/tremonti

b) su facebook:

Tremonti: istruzioni per il disuso

c) in libreria – Collettivo noiseFromAmeriKa: Alberto Bisin, Michele Boldrin, Sandro Brusco, Andrea Moro, e Giulio Zanella (2010), Tremonti: istruzion per l’uso. Edizioni Ancora del Mediterraneo

“il fatto” dell’anno. Watergate tv: è IMPEACHMENT

SCOOOOP! Berlusconi assiste interdetto: sarà interdetto?

picture: Photo 442 in “Vignette di satira” (facebook)

il fatto del 17

Tutte le telefonate di minaccia di Berlusconi all’Agcom: “Fate schifo, quelli vanno in onda e non fate niente?”

di Antonio Massari e Marco Lillo

Il reato contestato a Silvio Berlusconi è stato applicato raramente ma, secondo il pm di Trani Michele Ruggiero, sembra ritagliato a pennello sul comportamento del presidente Berlusconi nei confronti dell’Agcom. L’articolo 338 che punisce chiunque usa violenza o minaccia a un corpo amministrativo dello Stato è stato invocato in casi celebri come il braccio di ferro sportivo tra l’ex presidente della Figc Franco Carraro e il Catania di Luciano Gaucci nel 2003. Oppure nella lotta senza quartiere tra il comune di Siena e il Monte dei Paschi nel 1994. L’ultimo caso celebre è la contestazione da parte della Procura di Palermo all’inizio di quest’anno del reato in questione ai due ex carabinieri Mario Mori e Giuseppe De Donno per le presunte trattative Stato-mafia del 1992. La violenza ad un corpo dello Stato, in un caso è stata contestata anche in favore e non contro (come nel caso di Trani) di Silvio Berlusconi. Con questa accusa è stato arrestato nel 2004 il primo aggressore celebre del Cavaliere. Lo sciagurato muratore che colpì Silvio Berlusconi con un cavalletto in piazza Navona che fu poi scarcerato perché secondo il gip nel suo lancio c’era solo una lesione aggravata. Raramente i procedimenti si concludono con una condanna. Nonostante la sua indeterminatezza, però, quel reato è sembrato al pm di Trani Michele Ruggiero la perfetta fotografia del comportamento di Silvio Berlusconi. Ruggiero ha avvertito l’impennata nelle telefonate del premier, dalla semplice pressione a qualcosa di più violento nell’inverno scorso.

Il Fatto Quotidiano è in grado di ricostruire quelle telefonate che hanno portato la Procura di Trani a contestare all’uomo più potente d’Italia un’accusa che prevede pene da uno a sette anni di carcere, oltre alla concussione che oscilla tra i 4 e i 12 anni. La svolta avviene domenica 29 novembre del 2009 quando Silvio Berlusconi scopre che Michele Santoro vuole occuparsi del caso Mills. Berlusconi chiama infuriato Innocenzi e grida: “Se questo garante non riesce a intervenire stavolta e dire che i processi non si fanno in televisione, ma che cazzo di organismo siete?”. Il commissario dell’Agcom cerca di giustificarsi ma Berlusconi non vuole sentire ragioni: “Voi non fate nulla. Ma che cazzo ci siete a fare?”. Poi dalle domande, il premier passa all’imperativo: “Fai un casino della Madonna, devi fare una dichiarazione pubblica e dire: mi vergogno di appartenere a un’autorità che fa schifo e non fa niente”. Prima di attaccare bruscamente Berlusconi chiede al suo ex dipendente di organizzare una strategia a stretto giro e di dirgli cosa deve fare il premier, per intervenire sul presidente dell’Autorità, Corrado Calabrò. Innocenzi poche ore dopo spiega al premier la strategia della doppia lettera: un’ammuina ben congegnata tra la Rai e l’Agcom. Funziona così: la Rai scrive una lettera all’Autorità Garante nella quale chiede lumi sui rischi di possibili multe per le puntate di Annozero già andate in onda e per quella in programma per giovedì sul caso Mills. L’Agcom risponde con una seconda lettera (la cui bozza è stata predisposta dal segretario generale dell’Agcom Roberto Viola e consegnata in anticipo a Innocenzi che la fa pervenire a Masi) e la Rai – fingendo di esservi costretta suo malgrado – sospende la trasmissione temuta dal Cavaliere.

Berlusconi ascolta un po’ scocciato tutte queste complicazioni. Pretende da Calabrò una lettera che dica: non si possono fare le trasmissioni sui processi in corso, come i suoi. E basta. Il tempo passa e gli investigatori ascoltano in diretta l’escalation della rabbia presidenziale. La mattina di giovedì 3 dicembre, a 12 ore dalla messa in onda di Annozero su Mills, Silvio Berlusconi si fa vivo. La voce del padrone sollecita il suo dipendente inadempiente: “Ma allora non fate nulla?”. Innocenzi balbetta qualcosa e a quel punto Silvio dà fuori di matto: “Io devo avere un’autorità che sa tutto. E questo va in onda e voi non fate un cazzo?”. È questo il momento nel quale Silvio Berlusconi fa pesare tutta la sua potenza sull’Autorità: “Fate schifo, non siete un’Authority, siete una barzelletta. Dillo al presidente da parte mia che si vergogni di portare a casa i soldi per quello che state facendo. Vi dovreste dimettere subito”.

E quando Innocenzi ribatte che ora il pallino ce l’ha il direttore generale della Rai, Mauro Masi, Berlusconi senza fermarsi di fronte a niente replica: “Ora lo chiamo”. Per valutare gli effetti delle parole di Silvio Berlusconi sui due dirigenti, nominati dalla sua maggioranza, bisogna ascoltare le loro telefonate seguenti. Come due domestici appena mazzolati dal capo si scambiano confidenze sulle intemperanze del padrone. Fanno tenerezza quando si confrontano disperati sul da farsi e si lambiccano per trovare una via di uscita che appaghi la furia del principale. Soprattutto dagli sfoghi di Innocenzi, gli investigatori avvertono gli effetti delle parole minacciose del premier su un’autorità che, per quanto sfregiata da un simile componente, è certamente un importante corpo dello Stato. Il commissario dell’Agcom è disperato: non riesce a convincere il suo grande capo che la missione prefissata è semplicemente impossibile. O meglio illegale. Confida sconsolato Innocenzi a Masi: “Lui mi dice: dovete impedire che si faccia Annozero, ma io gli spiego che non è possibile. Lui ha in mente una cosa che non esiste. Non è che uno va da Santoro e gli dice: tu stasera non fai il processo Mills. Non si può fare. È la legge che lo dice”. Che Innocenzi sia pressato da Berlusconi non risulta quindi dalle elucubrazioni dei pm ma dalle sue parole: “Mi manda a fare in culo tre volte al giorno”; oppure “mi ha fatto due sciampi terribili”.

E che le pressioni abbiano avuto un effetto anche sulla Rai e sulla sua capacità di determinarsi liberamente lo si avverte dalle parole del direttore generale Mauro Masi. Il numero uno della concessionaria radiotelevisiva pubblica, prima della puntata sulle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, confessa a Innocenzi che “Berlusconi mi ha chiesto di mandargli il ministro Alfano (che poi rinuncerà, ndr) e io ho convinto Santoro a prenderselo”. Ed è sempre Masi in un sussulto di dignità a dire che la richiesta di Berlusconi di intervenire su Annozero prima della trasmissione “non si può fare nemmeno nello Zimbabwe”. Non si contano le telefonate nelle quali Innocenzi spiega a tutti i suoi interlocutori che è costretto a muoversi per chiedere la sospensione della trasmissione di Santoro perché Berlusconi lo pretende. Non solo. Le pressioni sull’Agcom sono arrivate fino al presidente Calabrò. Lo confessa lo stesso Berlusconi quando si vanta di averlo chiamato durante la trasmissione per lamentarsi. Ed è Innocenzi che implora il sottosegretario alla presidenza Gianni Letta (che subito si mette a disposizione) di dire a Calabrò: “Devi scrivere una lettera a Mauro Masi per dire al direttore generale: la Rai non deve fare Annozero su Mills”.

Prima di sostenere, come hanno fatto ieri in coro tutti gli esponenti di centrodestra a partire da Maurizio Gasparri, che l’indagine di Trani è “grottesca” e prima di lasciar trapelare dubbi sulla sua solidità, come hanno fatto alcuni politici di centrosinistra come Felice Casson, forse sarebbe il caso di confrontare le parole minacciose del premier con la descrizione del reato previsto dall’articolo 338 del codice: “Chiunque usa violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario o a una qualsiasi pubblica Autorità costituita in collegio, per impedirne in tutto o in parte, anche temporaneamente o per turbarne comunque l’attività, è punito con la reclusione da uno a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto per influire sulle deliberazioni collegiali di imprese che esercitano servizi pubblici”, come la Rai. Ecco, dopo aver confrontato le parole del premier al reato sopra descritto, forse si potrà dire che l’indagine del pm Michele Ruggiero su Silvio Berlusconi è pericolosa. Ma nessuno può dire che sia grottesca.

da il Fatto Quotidiano del 17 marzo

Tratto da: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2457871&title=2457871

Corriere del 15: il procuratore di Trani Carlo Maria Capristo smentisce la smentita su MinCulPoppini – potrebbero anche indagarlo.

L’alto magistrato dice di essere «turbato e amareggiato per quanto accaduto, perché si è trattato di un vero e proprio siluro all’inchiesta. Basti pensare che l’informativa della Guardia di Finanza è stata consegnata il 5 marzo scorso e in questa settimana stavamo decidendo come procedere». In realtà il pubblico ministero Michele Ruggiero era intenzionato a chiedere un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici per gli indagati ed è stato proprio il procuratore a frenare. Da giorni nega però qualsiasi tipo di tensione, assicura che «qui siamo abituati a lavorare in squadra, confrontandoci e trovando insieme una soluzione ad ogni problema». Poi sottolinea la sua «determinazione a scoprire chi ha soffiato la notizia sull’esistenza dell’indagine» pubblicata da Il Fatto Quotidiano. Perché, dice, «siamo noi le prime vittime di quanto è accaduto e io posso assicurare che da questo ufficio nulla è trapelato». In realtà appena due giorni fa una non meglio specificata «fonte giudiziaria» ha smentito l’iscrizione nel registro degli indagati di Minzolini. Su questo Capristo è lapidario: «Non so di chi si tratti né chi possa aver parlato a nome della Procura. Io certamente non ho emesso alcun comunicato».

In questo momento, alle 14.23 di domenica 14 “il fatto” pubblica free oL questo articolo di ieri

Le minacce di B: se non ci riuscite è una barzelletta, dovreste dimettervi. Il garante: per me ci sei solo tu.

Berlusconi chiede – esplicitamente – ai suo fedelissimi dell’Agcom di elaborare una “strategia” per fermare Santoro. E l’Agcom si attiva. Non soltanto l’Authority: si muovono i vertici della Rai, si attiva l’intervento del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e viene coinvolto persino un membro del Csm. È di “strategia” che parla anche il direttore generale della Rai, Mauro Masi, quando si confronta con il commissario dell’Agcom, Giancarlo Innocenzi, sul tema Santoro: una “strategia” che il Fatto Quotidiano oggi è in grado di rivelare e che vede il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, costantemente informato, giorno dopo giorno, passo dopo passo, di ogni mossa predisposta o da predisporre. Il fattore scatenante si manifesta nel novembre 2009: s’è sparsa la voce che Santoro intende trasmettere una puntata sul “caso Mills”. Berlusconi è stato informato dal direttore di Libero, Maurizio Belpietro, che a sua volta l’ha saputo da Santoro, che l’ha invitato in trasmissione. E il premier non ci sta: si lamenta pesantemente con Innocenzi. Questa puntata gli risulta insopportabile. Chiede a Innocenzi d’intervenire pubblicamente. Gli suggerisce di esprimersi in maniera dura. Molto dura. Lo sollecita a spingersi fino a criticare l’Authority per cui lavora – l’Agcom – accusandola di immobilismo. Innocenzi annuisce. È talmente consenziente da chiedere , a Berlusconi, il permesso di poter spingere l’acceleratore fino in fondo. Berlusconi non ha titoli per concedere – a un membro dell’Agcom – simili permessi. Ma il permesso viene richiesto. E il permesso viene accordato. Anzi – conclude il premier – fammi sapere la “strategia” che avrai elaborato. Ed ecco il sistema: la “strategia” può ruotare intorno a una “lettera”. Dovrebbe firmarla il capo dell’Agcom, Corrado Calabrò, per poi spedirla al direttore generale della Rai, Mauro Masi. A sua volta, Masi, ricevuta la lettera, potrebbe promuovere dei provvedimenti su Santoro. Serve una “lettera” efficace, però, e a consigliarne il contenuto è proprio Masi. È Masi che indica a Innocenzi la strada maestra per intralciare Santoro e Annozero. Siamo al paradosso: il direttore generale della Rai, che dovrebbe tutelare l’azienda, indica all’Agcom la via per incastrare un giornalista della stessa Rai e uno dei programmi di punta dell’azienda. Tra l’altro, parlando con Innocenzi, è lo stesso Masi che rivendica: la Rai è stata “aggiustata”. Non tutta. Ma quasi. Mettiamo il caso di RaiTre: il direttore Ruffini non c’è più.

Anche Tg1 e Tg2 stanno dando un messaggio diverso rispetto al passato. Persino il Tg3 sarebbe in qualche modo cambiato. Per Santoro , però – dice Masi – la questione è diversa. Nella prima fase della strategia Innocenzi sceglie una strada: non si possono fare “processi” in tv soprattutto se, questi processi, sono in corso nelle aule dei tribunali. Anche le docufiction – che poi saranno bloccate – rappresentano un problema. Ci sarebbe un preciso precedente giuridico sui processi in tv. Insomma: la via intravista da Innocenzi lascia presumere che, in base a questo indirizzo – e all’opportuna “lettera” scritta da Masi e firmata da Calabrò – si possa placcare Santoro e Annozero “prima” che vada in onda. Berlusconi si fa risentire: Innocenzi garantisce che sta lavorando alla “strategia” e che incontrerà, per metterla a punto, persino un membro del Csm. Ma la strada indicata da Innocenzi – quella sui processi in tv – non è adeguata. È il segretario generale dell’Agcom Viola ad accorgersene: parliamo del braccio destro del presidente Calabrò. La situazione si chiarisce quando Innocenzi richiama Masi: ha una busta. Dentro c’è qualcosa di scritto. Gliela lascia in un posto dove Masi può leggerla. Anche in questo caso, Berlusconi, viene tempestivamente informato. Prima, però, il Cavaliere inonda Innocenzi dei soliti improperi: il presidente Calabrò dovrebbe lasciare il suo posto, insieme con tutta l’Agcom, che dovrebbe dimettersi in blocco, visto che è una sorta di “barzelletta”.

Innocenzi prende la sua dose quotidiana di rimproveri e poi rasserena il presidente del Consiglio: Masi ha una copia della bozza della lettera. E redarguisce Innocenzi: questa “lettera”, per come è stata elaborata, può servire dopo le trasmissioni. Non prima. Insomma: se Santoro non sbaglia – e la trasmissione su Mills non è ancor andata in onda – non lo si può sanzionare. Non avverrebbe neanche nello Zimbabwe. E quindi: bisogna ricominciare da zero. Masi offre ancora i suoi consigli: la vicenda va inquadrata pensando al passato. Per esempio, la trasmissione sul caso di Patrizia D’Addario, aveva offerto molti spunti. E in effetti – nei suoi primi “consigli” a Innocenzi – Masi aveva chiesto di portargli tutto il materiale che l’Agcom aveva raccolto su Santoro e Annozero nei mesi precedenti. La “strategia” si evolve fino a questo punto: una lettera, debitamente compilata e poi firmata da Calabrò, potrebbe mettere Masi nelle condizioni di dire a Santoro che, se dovesse infrangere le direttive, la Rai potrebbe pagare una multa pari al 3 per cento del suo fatturato.

Calabrò – che non cederà alle pressioni – sembra intenzionato a non scrivere testi di questo tenore. Innocenzi – per intervenire su Calabrò – chiama persino Gianni Letta, che si dice disponibile a rintracciarlo. Niente da fare. Calabrò non firma. Masi invierà comunque la lettera e il tormentone ricomincerà la settimana successiva. Sempre a ridosso dell’ennesima puntata di Annozero. Berlusconi s’inalbera e Innocenzi sopporta. Esibendo ancora una volta la sua obbedienza al Cavaliere: lo rassicura spiegando che, per lui, “esiste” soltanto una persona. L’ha confidato anche a un suo collega. E quella persona – s’intende – è Silvio Berlusconi.

di Antonio Massari, da Il Fatto Quotidiano del 13 marzo 2010


http://www.corriere.it/cronache/10_marzo_14/fasano-premier-innocenzi-chiudere-annozero_7233bd52-2f44-11df-a29d-00144f02aabe.shtml x aggiornamenti: MinCulPop indagato o no?

oggi, sabato 13  o direttò de Il Fatto, Padellaro spadella

Dopo aver letto il Fatto molti dicono: sapevamo tutto ma non c’erano le prove. Adesso le prove ci sono. L’inchiesta della Procura di Trani ricostruita da Antonio Massari è un documento nitido e conseguente in ogni suo passaggio sul potere assoluto dell’illegalità in Italia. Il reato che si fa Stato.

Altri giornali del 13 marzo (la dx: Chiacchieropoli; il Manifesto: l’osceno del villaggio) e tiggì di ieri sera, il 12:

il Premier (pera matura e cotta da IM-PEACH-MENT: mente sempre) ed  Innocenzi (ma non MinCulPoppini, nb) indagati per CONCUSSIONE. Interviene Cosa Nostra, per bocca di Dell’Utri.

12 marzo mattina: scoppia la pera (im-peach…)

source: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&r=178233

La GdF intercetta il premier mentre chiede a Innocenzi (Agcom) sanzioni contro Santoro. Nell’inchiesta Minzolini [MinCulPoppini] e Masi. In un’indagine della procura di Trani emerge un giro di telefonate nelle quali B. vuole bloccare le puntate sul caso Mills ed il pentito Spatuzza.

Quatta quatta la notizia è filtrata ed è finalmente esplosa nella mattinata. Nella mia lista http://twitter.com/nonnoenzo/i-taliani-bravaggente è stata PazSpinelli a farci notare che c’eravamo un pò distratti…

Esiste materia per un impeachment, quale conclusione della interminabile telenovela dell’intreccio illegittimo tra affari (legali assai di rado o, più spesso, loschi e monopolisti) di Berlusconi e suo ruolo di Premier. Stavolta ha il dito nella marmellata – come tutte le altre volte peraltro: furto con scasso della Mondadori, ecc.

Ma esistono ora allineati come mai prima, TUTTI GLI ESTREMI per una procedura di IMPEACHMENT che lo cacci con ignominia ed immediatamente da Premier.

Leggete “il fatto quotidiano” di oggi (qui sotto IN SINTESI), che reca questo scoop eccezionale, che entrerà nella Storia – gli ordini del Premier all’Agcom ed a Minzolini.

Così Berlusconi ordinò:
“Chiudete Annozero”

La Guardia di finanza intercetta il premier mentre chiede a Innocenzi (Agcom) sanzioni contro Santoro. Nell’inchiesta Minzolini Masi. In un’indagine della procura di Trani emerge un giro di telefonate nelle quali B. vuole bloccare le puntate sul caso Mills e il pentito Spatuzza. Nel mirino anche Floris e la Dandini.


Silvio Berlusconi voleva “chiudere” Annozero. Un membro dell’Agcom – dopo aver parlato con il premier – sollecitava esposti contro Michele Santoro. Il direttore del Tg1 Augusto Minzolini – al telefono con il capo del governo – annunciava d’aver preparato speciali da mandare in onda sui giudici politicizzati. E le loro telefonate sono finite in un fascicolo esplosivo. Berlusconi, Minzolini e il commissario dell’Agcom Giancarlo Innocenzi: sono stati intercettati per settimane dalla Guardia di Finanza di Bari, mentre discutevano della tv pubblica delle sue trasmissioni. E nel procedimento aperto dalla procura di Trani – per quanto risulta a Il Fatto Quotidiano risulterebbero ora indagati. (Leggi tutto)

di Antonio Massari

LEGGI: Il commissario-garante che disse “Il Capo vuole una spallata” di Marco Lillo

permalink 95 commenti

A. Massari conclude:

E quindi: la notizia di cronaca giudiziaria è che Berlusconi, Innocenzi e Minzolini, sono coinvolti in un’indagine.

La notizia più interessante, però, è un’altra: il “regime” è stato trascritto. In migliaia di pagine. Trasuda dai brogliacci delle intercettazioni telefoniche. Parla le parole del “presidente”. Il territorio di conquista è la Rai: il conflitto d’interesse del premier Silvio Berlusconi – grazie a questi atti d’indagine – è oggi un fatto “provato”. Non è più discutibile.

occhio anche alla colonna dx: 37 porcate ad personam; appena scritto, il libro di marco travaglio è già travagliato, da aggiornare in continuum

il testo dell’articolo – assai utile per un’occhiata a tutto il porcile –  è stato ricopiato su facebook, ad es. in

http://www.facebook.com/photo.php?pid=254485&id=100000176131621

– e http://www.facebook.com/photo.php?pid=4779426&id=318853359313

Paradossi latini: Vargas Llosa su Lula e i Castro

A blog post for my Cuban friend and heroin: la bloguerrillera Yoani Sánchez

even worst than Mario thought: Lula is a FUCKING STALINIST AND TOTALITARIAN BASTARD; as 4 Mario’s Paradox: every1 knows, in Brazilian internal policy, he’s JUST A PUPIL of FHC, and without him he would have always lost the Presidentials; aaaaaahhhhhh! 😉

AP, March 11

Brazil’s president went on to say a hunger strike cannot be used as a pretext to free people from prison, despite the fact that he himself engaged in a hunger strike as a union leader during Brazil’s military dictatorship.

folhadesp

Lula compara preso político de Cuba aos bandidos de SP; dissidente diz que ele é “cúmplice da tirania”: O presiden… http://bit.ly/a9QULj   — (March 10)


http://zoevaldes.net/2010/03/08/lula-y-los-castro-mario-vargas-llosa/

Lula y los Castro. Mario Vargas Llosa.

MARZO 8, 2010
etiquetas: Brasil, Cuba, Lula, Mario Vargas Llosa
by Zoé Valdés

El País, Madrid.

LA CUARTA PÁGINA

Lula y los Castro

PIEDRA DE TOQUE. Cuando se trata del exterior, el presidente brasileño
se desviste de los atuendos democráticos y se abraza con la hez de
América Latina. Su foto con Raúl y Fidel me retorció las tripas
MARIO VARGAS LLOSA 07/03/2010
Mi capacidad de indignación política se embota algo los meses del año
que paso en Europa. La razón, supongo, es que vivo allá en países
democráticos en los que, no importa los problemas que padezcan, hay un
amplio margen de libertad para la crítica, y los medios, los partidos,
las instituciones y los individuos suelen protestar con entereza y
ruido cuando se suscita un hecho afrentoso y despreciable, sobre todo
en el campo político.
En América Latina, en cambio, donde paso tres o cuatro meses al año,
aquella capacidad de indignación retorna siempre, con la furia de mi
juventud, y me hace vivir en el quién vive, desasosegado y alerta,
esperando (y preguntándome de dónde vendrá esta vez) el hecho
execrable que, generalmente, pasará inadvertido para el gran número, o
merecerá el beneplácito o la indiferencia general.
Esta mañana he vivido una vez más esa sensación de asco e ira, viendo
al risueño presidente Lula del Brasil, abrazando cariñosamente a Fidel
y Raúl Castro, en los mismos momentos en que los esbirros de la
dictadura cubana correteaban a los disidentes y los sepultaban en los
calabozos para impedirles asistir al entierro de Orlando Zapata
Tamayo, el albañil opositor y pacifista de 42 años, del Grupo de los
75, al que la satrapía castrista dejó morir de hambre -luego de
someterlo en vida a confinamiento, torturas y condenarlo con pretextos
a más de 30 años de prisión- tras 85 días de huelga de hambre.
Cualquier persona que no haya perdido la decencia y tenga un mínimo de
información sobre lo que ocurre en Cuba espera del régimen castrista
que actúe como lo ha hecho. Hay una absoluta coherencia entre la
condición de dictadura totalitaria de Cuba y una política terrorista
de persecución a toda forma de disidencia y de crítica, la violación
sistemática de los más elementales derechos humanos, procesos amañados
para sepultar a los opositores en cárceles inmundas y someterlos allí
a vejaciones hasta enloquecerlos, matarlos o empujarlos al suicidio.
Los hermanos Castro llevan 51 años practicando esa política y sólo los
idiotas podrían esperar de ellos un comportamiento distinto.
Pero de Luiz Inácio Lula da Silva, gobernante elegido en comicios
legítimos, presidente constitucional de un país democrático como
Brasil, uno esperaría, por lo menos, una actitud algo más digna y
coherente con la cultura democrática que en teoría representa, y no la
desvergüenza impúdica de lucirse, risueño y cómplice, con los asesinos
virtuales de un disidente democrático, legitimando con su presencia y
proceder la cacería de opositores desencadenada por el régimen en los
mismos momentos en que él se fotografiaba abrazando a los verdugos de
Orlando Zapata Tamayo.
El presidente Lula sabía perfectamente lo que hacía. Antes de viajar a
Cuba, 50 disidentes cubanos le habían pedido una audiencia durante su
estancia en La Habana y que intercediera ante las autoridades de la
isla por la liberación de los presos políticos martirizados como
Zapata en los calabozos cubanos. Él se negó a ambas cosas. Tampoco los
recibió ni abogó por ellos en sus dos anteriores visitas a la isla,
cuyo régimen liberticida siempre elogió sin el menor eufemismo.
Por lo demás, esta manera de proceder del mandatario brasileño ha
caracterizado todo su mandato. Hace años que, en su política exterior,
desmiente de manera sistemática su política interna, en la que respeta
las reglas del Estado de derecho, y, en economía, en vez de las
recetas marxistas que proponía cuando era sindicalista y candidato
-dirigismo económico, nacionalizaciones, rechazo a la inversión
extranjera, etcétera-, promueve una economía de mercado y de libre
empresa como cualquier estadista socialdemócrata europeo.
Pero, cuando se trata del exterior, el presidente Lula se desviste de
los atuendos democráticos y se abraza con el comandante Chávez, con
Evo Morales, con el comandante Ortega, es decir, con la hez de América
Latina, y no tiene el menor escrúpulo en abrir las puertas
diplomáticas y económicas del Brasil a la satrapía teocrática
integrista de Irán. ¿Qué significa esta duplicidad? ¿Que el presidente
Lula nunca cambió de verdad? ¿Que es un simple travestido, capaz de
todos los volteretazos ideológicos, un politicastro sin espina dorsal
cívica y moral? Según algunos, los designios geopolíticos para Brasil
del presidente Lula están por encima de pequeñeces como que Cuba sea,
con Corea del Norte, una de las dictaduras donde se cometen los peores
atropellos a los derechos humanos y donde hay más presos políticos. Lo
importante para él serían cosas más trascendentes como el puerto de
Mariel, que Brasil está financiando con 300 millones de dólares así
como la próxima construcción por Petrobras de una fábrica de
lubricantes en La Habana. Ante realizaciones de este calado ¿qué puede
importarle al “estadista” brasileño que un albañil cubano del montón,
y encima negro y pobre, muera de hambre clamando por nimiedades como
la libertad?
En verdad, todo esto significa, ay, que Lula es un típico mandatario
“democrático” latinoamericano. Casi todos ellos están cortados por la
misma tijera y casi todos, unos más, otros menos, aunque -cuando no
tienen más remedio- practican la democracia en el seno de sus propios
países, en el exterior no tienen reparo alguno, como Lula, en cortejar
a dictadores y demagogos tipo Chávez o Castro, porque creen, los
pobres, que de este modo aquellos manoseos les otorgarán una
credencial de “progresistas” que los libre de huelgas, revoluciones,
acoso periodístico y de campañas internacionales acusándolos de violar
los derechos humanos. Como recuerda el analista peruano Fernando
Rospigliosi, en un admirable artículo, “Mientras Zapata moría
lentamente, los presidentes de América Latina -incluido el sátrapa
cubano- se reunían en México para formar una organización -¡otra más!-
regional. Ni una palabra salió de allí para demandar la libertad o un
mejor trato para los más de 200 presos políticos cubanos”. El único
que se atrevió a protestar -un justo entre los fariseos- fue el
presidente electo de Chile Sebastián Piñera.
De manera que la cara de cualquiera de estos jefes de Estado hubiera
podido reemplazar a la de Luiz Inácio Lula da Silva, abrazando a los
hermanos Castro, en la foto que me retorció las tripas al leer la
prensa de esta mañana.
Esas caras no representan la libertad, la limpieza moral, el civismo,
la legalidad y la coherencia en América Latina. Estos valores se
encarnan en personas como Orlando Zapata Tamayo, las Damas de Blanco,
Oswaldo Payá, Elizardo Sánchez, la bloguera Yoani Sánchez, y demás
cubanos y cubanas que, sin dejarse intimidar por el acoso, las
agresiones y vejaciones cotidianas de que son víctimas, se siguen
enfrentando a la tiranía castrista. Y se encarnan, asimismo, en
principalísimo lugar, en los centenares de prisioneros políticos y,
sobre todo, en el periodista independiente Guillermo Fariñas, que,
cuando escribo este artículo, lleva ya ocho días de huelga de hambre
en Cuba para protestar por la muerte de Zapata y exigir la liberación
de los presos políticos.
Curiosa y terrible paradoja: que sea en el seno de uno de los más
inhumanos y crueles regímenes que haya conocido el continente donde se
hallen hoy los más dignos y respetables políticos de América Latina.
more
IL  M I T I C O BLOG di YOANI: “generacion y” = http://www.desdecuba.com/generaciony/

Presidente: “Chi m’ha fottuto la penna?” E’ stata Debora…

In conclusione. figura di MERDA del Presidente cacasotto,  che ha firmato 1 decreto pure inutile

BREAKING NEWS CHE SPACCANO TUTTO

Il 9 marzo altra sentenza infierisce  su una non-lista morta.

Roma, 8 marzo di gioia, che mai Festa della donna fu più ORGASMICA- COSMICAAAA!!! ‘Ntu kulu al nano pelato.

Il TAR del Lazio, conformemente ad una repubblica federalista, ha mandato a cagare (DEFINITIVAMENTE) la lista pdl di Roma, MAI PRESENTATA nei termini: e non semplicemente con firme FALSE come quella del Formichiere meneghino (ieri i boja avevan persino denunziato la giudice di Roma che aveva constatato l’assenza della lista). Col decreto AD PANINUM , stampato su carta-a-rotoli, si puliscano il koolow!

nonnoenzo – March 7, h 16:20

L’ITALIA nelle mani di una dittatura P2, felice e contenta.
Hanno seppellito Prodi che la liberava.
Ecco la prima catastrofe di Medjugorie

Dei delitti con le penne, il pene, le pene e pensieri del Presidente.

Napolitano ha fatto una figura di cacca. Appello ad imboscargli tutte le penne: onde posticipare la prossima. Ha il magone per gli attacchi che sta subendo: ha ragione, sono spesso FALSI, di comodo o FOLLI. Ma se Berlusconi violenta Napulitano, che cosè? Veterofilia? Collefilia?

main tags: galeotta fu la penna; “nascondiamogli le penne“; Serracchiani (Debora)

‘azzo, la costituzione è della mia classe- mi ricordo una recluta imbranata, IMBRANAMILES al CAR di Palermo!

POST-FACTUM

idi di marzo: Cesare, legalità l’è morta!

Alla ZANZARA di radio24 (Giuseppe Cruciani), la mejo radio-emissione della sera, LA RIVOLTA DEGLI ELETTORI DI C-D: o sono imbarazzati, o non votano più!

9 marzo: http://www.youtube.com/watch?v=-vSL-YEd0lA – Giovanni:

“un elettore di centro-destra, finchè è d’accordo e sottoscrive ogni parola di quello che sta dicendo Bersani in questi giorni, magari ci sta anche. Ma che io sottoscriva ogni parola che ha detto Travaglio…credo di essere IMPAZZITO”

13 marzo

10 marzo, 5° giorno

Per noi e per la Legge, il PdL non ha nessuna lista a Roma provincia; ora tocca a loro scendere in piazza e schierare le truppe cammellate. Ultima parola spetta al Consiglio di Stato.

Regionali, Polverini: si va a votare con o senza Pdl: Regionali, Polverini: si va a votare con o senza…http://bit.ly/bMcKvT

9 marzo, 4° giorno

Fa il . Mauro Ponti su fb:

Tre erano i problemi della destra: 1) listino Formigoni bloccato in Lombardia – 2) listino Polverini bloccato in Lazio – 3) Lista PDL bloccata a Roma.

Ad oggi: I giudici avevano già riammesso i “listini” in Lombardia e “Lazio” prima del dl “interpretativi”. Dopo del suddetto, il TAR ha confermato l’esclusione della lista PDL a Roma. Allora ?
Il dl della discordia non ha inciso in nulla e la destra è rimasta col cerino acceso in mano e una figuraccia perfino con i suoi elettori.

il Presidente emerito della Repubblica italianaCarlo Azeglio Ciampi, parlando del dl salva-liste l’ha giudicato come un <aberrante episodio di torsione del nostro sistema democratico>. Giorgio, stai perdendo punti!

Quando Travaglio dice che il Presidente ragiona e si comporta da comunista, NON HA AFFATTO TORTO / per 1 volta tanto.

8 marzo: macché danno e donna ! 3° giorno di auto-organizzazione ahimè (per noi) senza Costituzione

Se FOSSSE 1 TELENOVELA, potremmo far riapparire la Costituzione facendo finta di nulla – come il bel biondone nel serial napulitano di rai3, la Costituzione era a fare i fanghi ad Ischia e mò è tornata!

http://www.repubblica.it/politica/2010/03/08/news/napolitano_costituzione-2552072/

Napolitano: “Al di là delle differenze gli italiani credono nella Costituzione”

ROMA – “Al di là delle differenze politiche tutti gli italiani si riconoscono e credono nei valori della Costituzione”. Lo ripete il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ricevendo al Quirinale il mondo femminile in occasione della festa dell’8 marzo. Il capo dello Stato è convinto che “al di là di ogni differenza di modi di pensare e di posizioni politiche profonda è tra le italiane e gli italiani la condivisione del patrimonio di valori e principi che si racchiude nella Costituzione repubblicana, a coronamento di una lunga e travagliata esperienza storica”. Tra questi valori, sottolinea napolitano, ci sono “l’impegno civile, la solidarietà, il rispetto della legalità”, “valori fondanti del nostro vivere civile”.

Le feste se le mangiano, ad 1 ad 1,  le malefatte di regime:

– il 14 febbraio non è più Valentina per nessuno che abbia l’anima; si va al cimitero di Cesenatico a  portar fiori ed opere di bene a Marco, il Nostro Capitano.

– l’8 marzo già era una festa maschilista così così, ma ora è abolita nell’anno 1, giorno 3 della neomonarchia Savoia. Dal Colle si fa già trapelare soddisfazione per il buon esito del principino a “sanremo famosi”.

Oggi, però: giornata di AUTOCOSCIENZA FEMMINISTA.

1 regime P2-ista di nani e veline: ma quale democrazia (mario tronti)?

TEMA: Non è (quasi) colpa di Giorgio “Savoja” N (GSN), ma prima di tutto NOSTRA: dove eravamo quando questa Banda di nani, bassotti e veline si mangiava ad 1 ad 1 i nostri doveri e diritti, società civile e Stato?

Alla finfine al Colle devono piegar la schiena ai rapporti di forza reali! Come rivela il Corriere di domenica, la resistenza di GSN giovedì è stata Eroica: s’è fatto insultare si (mica poteva arrestarlo – o forse si?), ma l’ha placcato, sfidandolo ad andare davanti alla CC, mentre le elezioni gli andavano a rotolo.

Pertanto lui, come Savoja, non è nemmeno (versus editoriale di Tramaglino su il fatto di domenica, che di Storia non capisce mai un’H) VE 3°. No, perché non sono i poteri forti italiani a volere Nani e Veline al potere – sono quelli internazionali che operano via P2.

7 marzo, 2° giorno di auto-organizzazione ahimè senza Costituzione

20:00

arriva l’intervento-clou della giornata, come il tweetie dell’on. Debora ieri. Stavolta viene dal cuore di Napoli, ma dice ESATTAMENTE LA STESSA COSA, ciò che sta a cuore al popolo di centro e di sinistra. Commento a Sabina Guzzanti:

Rosaria Mastronardo

Io, da napoletana verace, vorrei dare un consiglio al nostro presidente della Repubblica, napoletano anche lui.
Mi permetta Presidente, le scrivo con il cuore in mano, un consiglio: butti via tutte le penne che lei possiede nella sua sede istituzionale e quando il sig.B si presenta, dica che lei non ha più penne per sottoscrivere le sue cazzate. Le butti presidente le butti.
Faccia del bene per il nostro per il suo paese: l’ITALIA.

CHE PAESE DI MERDA: EMIGRIAMO in 10 milioni, lasciamo qui la feccia ed i mediocri!

Solo in Italia (?), tra i paesi OECD può accadere che 1 articolo venga aggiustato perchè persino il Corriere, quasi unico giornale – in duopolio-, serve a Mediobanca per far melina. Perché qui Stronzelecom Italia compra La7 perché non trasmetta  un cazzo di niente, merce di scambio. FANKULO  TUTTI  e porello GSN che colpa ne ha? Ebbene, il Corriere sta taroccando: sulla v. cartacea stampata stanotte gli è scappato troppo chiaro la VIOLENZA inaudita del Cav su GSN:

auto-censura sul Corrierone d. borghesia meneghina (defilata su scontro costituzionale, a lei interessano i danè), à propos di giovedinotte: “Normale che il Presidente del Consiglio utilizzi violenza verbale nei confronti del Presidente della Repubblica. Il Corriere della Sera parla di “brutalità”, tra “minacce e parole fuori controllo” [su Corriere.it pubblicano una versione dell’articolo differente, più soft].”

io su fb, citando http://nonleggerlo.blogspot.com/2010/03/tranquilli-e-normale.html

Io al posto di GSN, avrei fatto arrestare Berlusconi in “fragranza”, giovedi notte. Quello si era un bel golpe…

FRAGRANZA DI REATO @ChinaPrime: Flowers leave some of their fragrance in the hand that bestows them. – Ancient Chinese proverb

17:40 commento ora su una fb page

L’idea  antigiuridica di berluscazzoni, che  lo staff dei costituzionalisti del Colle  non son riusciti a stoppare (c’han provato però) – l’idea-intuizione  che esista un DIRITTO A VOTARE astratto, non sta in cielo né in terra. Per pararsi il culo e cerchiobottare, Napoletano lo cita nella epistola di ieri: ma mente sapendo di mentine… lo sa pure lui, è intelligente e scafato.

In realtà io ho solo il diritto NORMATO di votare chi mi trovo sulla scheda; se la Madonna di Medjugorie, unica che voterei, non c’è, io non ho 1 cazzo di diritto chicchessia – infatti mi astengo. Se vale per 1 individuo, per il principio di aggregazione vale per i popoli (e polli) di C, D e Sx. AMEN

e cosi sia, tusi: sio nà in piassa coj popojo verde, ciò?

Ora, h 16 diretta viola da P. Navona.

C’E’ CHI LI VIOLENTA, E CHI SOLO LI MANGIA: questa è Romassassina.

L’oltretevere pedophile (approfitto, mi ci ficco) coglie sul fatto il colle mangiabambini

@corriereflash24 #Regionali la Cei critica il decreto salvaliste > http://bit.ly/dgvy8x

Tutti i comitragici retroscena di come quei criminali incalliti che occupano (per auto-nomina corporativa di Casta,  a parte l’Eletto di Dio) il vertice dello Stato hanno impunemente, e senza rimorsi liquidato la Costituzione per farsi gli stracazzi loro in maledetta pace.

OGGI SUL CORRIERE, da  non perdere

http://bit.ly/marziobreda osceni retroscena: braccio di ferro di giovedi, prima che il burattinaio infili il braccio nel burattino

come vedremo dopo (sopra) ‘sto articolo ha versioni divergenti. I subumani autoselezionati tra i dinosauri del Pd non perdono occasione. La vignetta de La Stampa è obiettiva “Decreto arrogante, pertanto Napoletano lo firmi”.

fantasia viola da  tw e fb:

Alla Sapienza, il prof. Carlo Cosmelli (Fac. Ing. e Filos.) ha riaperto gli appelli

@nicolamattina

Bonino: questo decreto e’ un atto di umiliazione nei confronti di tutti i cittadini onesti #abusodipotere

@An_DeL «la legge è uguale per tutti quelli che la possono interpretare» #golpeinitaly

Enzo Arcangeli di pietro, accortosi di esser stato messo in corner dall’N.mo inciucio Arcore-Baffino di venerdi, oggi s’è messo via l’impeachment. E noi restiamo con l’ultimo dei Savoja sino a scadenza. ARIDATECE LA REPUBBLICA: l’unica buona, la Prima! BUONA LA PRIMA.

6 marzo, 1° giorno di auto-organizzazione ahimè senza Costituzione

La questione per Napolitano si aggrava ora dopo ora (non solo nei bravi ragazzi viola mobilitati con generosità, ma nell’intelligentsia ed opinione pubblica  più ampia e variegata): in particolare, proprio nelle linee da me qui subito indicate, per sommi capi.  Molti osservatori si inseriscono infatti nella sospetta e SEMPRE MALEFICA FORBICE CROCIANA forma – sostanza introdotta ad 1 tanto al kg dalla ideologia “AB” Aziendalista Berlusconica (dove pesa l’assenza dell’amico Gianni Baget Bozzo, BB); ma ahimè pienamente, affrettatamente adottata dal Colle (in un attimo di distrazione della task force politica e quella dei costituzionalisti del Colle, I hope! Sennò son sulla cattiva strada). Si osserva AD OCCHIO NUDO che l’intero edificio civile, istituzionale e legale e la cogenza stessa della Legge si crepano, entropizzano o decadono, appena apriamo una tale dialettica pro domo sua:

a) che la SOSTANZA sì va rispettata (in realtà omaggiata pro-FORMA: avete presente lo status sostanziale della democrazia in Italia? Ecco);

b) la FORMA invece  no: dipende – dal Potere di contrattazione di cui disponi. Io comincio a prepapare e aggiornare i miei dossiers, non si sa mai [Purtroppo non ho mantenuto buone amicizie con camorra e ndrangheta, ma posso sempre recuperare].

Su questo primo punto, si veda ad es. il cenno di Luca Sofri.

L’altra questione TERRIBILE è che si apre, ed acuisce pazzescanente col DECRETO NON BIPARTISAN alla luce del sole (solo inciuciato), la effettuale POSSIBILITA’ di una battaglia costituzionale e legale, che potrebbe persino – in Teoria – invalidare le elezioni, o comunque delegittimarle nella coscienza di massa (da dx, sin o ambedue!): COME MINIMO IN LAZIO E LOMBARDIA. Se sul Colle si preoccupavano di guerre civili: da irresponsabili han tirato 2 belle palle di neve con potenzialità di valanghe di guerra civile, e nelle 2 capitali del Paese. Noi liberal-democratici, quando il Colle diventa irresponsabile ci preoccupiamo e parecchio.

Sul punto 2, la candidata che minaccia di rit. da un “gioco truccato”:

(ANSA) – ROMA, 6 MAR – Il centrodestra potrebbe non convertire il decreto se le elezioni in Lazio andassero male, cosi’ da inficiare il risultato. Ha detto Bonino. La candidata nel Lazio ha adombrato questa ipotesi nel comizio tenuto in piazza del Pantheon a Roma. Secondo Bonino il decreto ‘annulla qualsiasi certezza del diritto e del processo elettorale democratico. Non e’ detto che il decreto verra’ riconvertito, perche’ se perdessero vorrebbero interpretare il risultato’.

e l’inizio della melina giudiziaria che potrebbe annullate le elezioni DOPO, sino all’orlo di una guerra civile. Giustamente:

La regione Lazio ricorre alla
Consulta contro il «salva-liste»

Infine, l‘on. Serracchiani, figura emergente  dello scomparente PD, scrive parole chiare, pur non potendo dirla tutta sul Colle (sennò mi scomunicano, disse una volta JP2 alla S. Egidio)

Il Pdl prima ha pasticciato sulla presentazione delle liste delle elezioni regionali in Lazio e in Lombardia, poi ha rimediato nel modo che conosce meglio: si è fatto il decreto ad hoc ed è tornato in pista a tempo scaduto.
E’ un episodio di gravità assoluta che sancisce il diritto del più forte e rappresenta un autentico sconfinamento fuori dall’ordinamento democratico. In questo autunno del potere berlusconiano si sta rompendo l’equilibrio che finora, in un modo o nell’altro, aveva retto il sistema dei poteri in Italia e si allunga su ognuno di noi l’ombra del regime autoritario.
Penso che la situazione di incertezza e confusione in cui si trova il nostro Paese preoccupi anche tanta gente perbene nel centrodestra.
Non mi sottraggo dal commentare la firma del presidente della Repubblica al decreto, che qualcuno ha criticato. E’ una vicenda che mi ha rattristata, perché ci sono aspetti che non si comprendono, anche alla luce di situazioni analoghe accadute in altre parti d’Italia, ma io sono dell’opinione che non si debbano far volare gli stracci sulle istituzioni e che il rispetto per il presidente Napolitano vada conservato. Certo, se poi qualcuno gli nasconde la penna…

E BRAVA DEBORA CHE IMBOSCA LE PENNE …

PER FARLA BREVE, HA CINGUETTATO IL MIGLIOR TWEETIE DELLA GIORNATA del 6, quello in sintonia coi liberal-democratici incazzatissimi coi ladri al governo in primis, ma che neppure al Colle danno tregua:

Debora Serracchiani

Rispettiamolo ma nascondiamogli le penne.

ANTEFATTO

1 mezzanotte fa,  il Presidente  della Sua Repubblica (NON PIU’ LA MIA) è scivolato giù dal Colle (1 scivolone peggio di Simona Ventura) firmando un  foglio indegno portatogli dal governo: il decreto ad paninum e salvaFurbigonisecenefossebisogno. Aveva respinto la cosa il giorno prima, che fretta e ragione aveva di  calare le brache il giorno dopo?  S’è fatto fregare nel gioco delle 3 carte (e questo nell’UNICA IPOTESI FAVOREVOLE AL COLLE – sennò diventano nemici del popolo democratico di centro e di sinistra, e già come tali son percepiti; per questo il noto annusatore ed estremista di Pietro parla di IMPEACHMENT).

Semplicemente nessuna ragione – nel migliore dei casi non ha saputo tenere una linea coerente. Al peggio, non c’è limite (né i suoi precedenti come politico napoletano sono altrettanto eccelsi, come lo è invece la sua rinomata linea nazionale,  accanto a giganti politici e Maestri come Amendola e Pellicani).

Ma – terza via tra il cacasotto ed il mercimonio politico –  lui si difende con un’altra linea di ragionamento: che dovesse fare (ma chi gliel’ha detto? Medjugorie certo no) un tradeoff aristotelico – tomistico – crociano tra FORMA (le norme elettorali vigenti) e SOSTANZA (il Potere nudo e puro, i mafiosi del malaffare e PdL). Se questa è la RATIO, caro Presidente, Lei è in intima sintonia con la parte più oscura ed avventurista del CentroDestra, e se fosse così preferiremmo Fini al Colle. L’hanno forse fuorviato:

1 Machiavelli (quello della vulgata, of course),

2 Croce e Gramsci. Finire Ar-lecchini servitori del pagliaccio Berlusconi (più che della Legge) la dice lunga sulla Miseria di cotali filosofie.

Lui, il Presidente imbarazzatissimo scrive (in modo irrituale, saltando i media), pescando dal mazzo 2 lettere di opposta protesta (paraculo!):

(…) La vicenda è stata molto spinosa, fonte di gravi contrasti e divisioni, e ha messo in evidenza l’acuirsi non solo di tensioni politiche, ma di serie tensioni istituzionali. E’ bene che tutti se ne rendano conto. Io sono deciso a tenere ferma una linea di indipendente e imparziale svolgimento del ruolo, e di rigoroso esercizio delle prerogative, che la Costituzione attribuisce al Presidente della Repubblica, nei limiti segnati dalla stessa Carta e in spirito di leale cooperazione istituzionale. Un effettivo senso di responsabilità dovrebbe consigliare a tutti i soggetti politici e istituzionali di non rivolgersi al Capo dello Stato con aspettative e pretese improprie, e a chi governa di rispettarne costantemente le funzioni e i poteri.

Cordialmente
Giorgio Napolitano
Io ho scritto al Napolita’ questa mail quasi cortese, ma FERMA contro il loro regime illiberale:
Il TAR di Milano di oggi avrebbe  poi evitato quel decreto BULGARO: non solo extra-costituzionale, semplicemente STALINISTA.
Quindi, caro Presidente, ha fatto una figuraccia a firmarlo. Come risulta dalla sua risposta ai cittadini, l’avevano convinta d’una gran fretta che non c’era affatto. Per un verso o l’altro, le cose comunque si sarebbero sistemate.
La sua scelta contro le norme elettorali (per quell’altro bene pubblico che s’è inventato Lei, ma le norme non prevedono) è di una gravità SENZA PRECEDENTI nella storia repubblicana – sinora si truccavano, taroccavano le elezioni solo nel segreto. Ora dal Quirinale e per via ufficiale!
Sono disgustato e mi ritiro per sempre dalla vostra Politica, per combattere con armi “illegali” informali innovative e tecnologiche dall’Aventino della società civile.
Sono un vecchio compagno economista PCI ultra-riformista, di ideologia liberale (proprio per questo disgustato DEFINITIVAMENTE da tutto questo schifo di politica a puttane e vetero-stalinista); ho lavorato tutta la vita con il nostro comune amico, il compianto Gianni Pellicani. Ora basta – con questa firma del decreto vedo l’abdicazione dell’ultimo barlume di dignità.
Cordiali saluti
efa

sources
# B 2 Z
# aggiornamenti, stralci di TG dai video di http://www.youtube.com/user/ItalianSpot
# le cose  migliori sono tutte le discussioni, feroci, sui lucidi post di mario adinolfi su facebook – ora l’ultimo è:
# sul fronte un pò diverso – quasi opposto a sinistra: gli appuntamenti del popolo viola in questi giorni; le dirette tv dalle piazze passano su ustream.tv; aggiungere martedi 9\3 Palagiustizia Milano hh 18-20, da PopoloViolaMI
# il mio campione micro-sociologico  di come, tra una cosa e l’altra della vita, ci facciamo arguzie e passaparola sulla transizione alla neomonarchia: i 333 microbloggers di
# no sta darghe massa  spago al dago – spia, ciò! Lù el te le cinta belbela
Qui si trova anche l’intervento SIMBOLICO, EMBLEMATICO di:
Alfonso Florio

Volevo inviare una Mail al presidente degli italioti ma non è stato possibile,volevo racontare in due righe che al sottoscritto Veterinario,nel 1985 è stato vietato partecipare al concorso di ammissione alla scuola di specializzazione in Patologia Aviaria presso la facoltà di Medicina Veterinaria di Napoli,perchè arrivato con 15-quindici -minuti di ritardo.
Questo volevo dire al presidente degli ITALIOTI.





Caro mi fu quell’ermo Colle che ora mi fa rivoltar e vomitar: http://www.quirinale.it/

# DI’ LA TUA AL COLLE  (mi gò dito la mia)- write to: https://servizi.quirinale.it/webmail/