Giovani inoccupati: quanti fancazzisti e mammoni?

DIARIO di un REAZIONARIO

(una nuova rubrica)
Sulla pagina di oggi:

Evidenze micro e macro su Unemployment 

e familismo -femminismo -mammismo.

1922andresimoneknokke-le-zoute

Il dato istat (impeccabile) del 46% dei giovani disoccupati in Italia, si accompagna alle mie evidenze micro-micro raccolte nelle Ostarie (sono cresciuto a pane e “Inchiesta”, l’insuperabile rivista di sociologia operaista e rivoluzionaria).
I giovani operai occupati dicono che sono RIVOLTATI contro i loro coetanei che fanno una breve prova in fabbrica, e ri-scappano veloci SOTTO LE COTOLE (gonne) DELLA MAMMA.
Se potessi generalizzare, direi:
1) una bella fetta di Unemployment è disoccupazione volontaria da ‘eccesso’ di benessere coccole reddito e ricchezza familiare (date le regole distributive nella istituzione Famiglia). I salari bassi ed ipertassati dalla Repubblica Comunista Italiana concorrono: basti pensare che ora dal Mezzogiorno vi siano i trasferimenti AL CONTRARIO; dalle famiglie al Sud, ai figli che guadagnano un cazzo lavorando al Nord (fonte: SVIMEZ).
2) Inoltre: il familismo amorale (tutt’altro che un fenomeno solo meridionale, lì solo prende la piega patriarcale – vedi anche Emanuele Felice) è anche quello, pro quota, qualcosa di più specifico.
MAMMISMO DI MERDA ove ambedue i poli della relazione innaturale, malata sono COLPEVOLI.
E i padri, dove cazzo sono? Che cazzo fanno: si faireyicahoperimettano i pantaloni ed a menar schiaffoni a piena forza, rincorsa e slancio.

Un grande merito del primo e migliore Obama, fino alla sua  prima campagna Presidenziale inclusa, è stata la nettezza del suo attacco frontale al Black Power, il ’68 e tutto l’irresponsabilismo connesso ai c.d. movimenti “libertari”. Ma era già stato tutto scritto, in proposito di doveri fondanti i diritti, da Simone Weil a Londra nel suo ultimo inverno 1942\3.

 

P.S: Una prima versione di questo post è stata pubblicata oggi nel “gruppo chiuso” di Facebook OSTERIA DEI  ‘CONOMISTI https://www.facebook.com/groups/OsteriaEconomia/759050460781741, dove ha dato luogo ad una viva discussione. Chiunque può chiedere – se interessato – di aderire a tale gruppo di discussione su temi sociali ed economici, poi saranno i suoi promotori a decidere in merito.

 

 

 

Advertisements

Baby Boomer al macero

Molteplici fallimenti:
a) della generazione baby-boomer; si veda qui la “pagina statica” tematica
b) di un ceto politico della ex-democrazia italiana (Mario Tronti): la TRANSIZIONE via “mani zozze” (di Pietro e gli altri criminali giustizialisti in toga)  dal Capo Supremo di Cosa Nostra Andreotti, al fido stalliere Berlusconi (si: è proprio lui lo stalliere della mafia, sinora c’era stato un qui pro Qui Quo Qua, insomma uno scambio di persone); tema già sfiorato qui nel post:

LA PETITE DIFFERANZA TRA I E II REPUBBLICA

c) della stessa area generazionale nell’ex-Pci – con  l’eterna diatriba di tutti contro tutti e lo sfarinarsi dei ’68ini della fgci, già analizzato da tutta una letteratura (seguirà qui una breve bibliografia, come richestomi dall’amico e fine intellettuale João Manuel Cardoso de Mello):
– c1) l’impotenza politica di d’Alema, premier UNA TANTUM solo per volontà degli USA, ed i loro patti con l’emergente mafia serbo-kossovara (che, in concorrenza con gli spagnoli e la ‘ndrangheta – che ho visto in rapida espansione in Brasile e nei suoi porti, la cosa viene cit. anche nella intervista di Carta Capital a Nando della Chiesa della settimana scorsa -, gestisce i flussi di tonn. di coca all’ingrosso across the Atlantic, col CONSENSO DI WASHINGTON)-;
– c2) quel mentecatto e sub-normale di Veltroni che idealizza un gruppo familiare di noti criminali irlandesi, i Kennedy di “Joe il Padrino”; ossia, a differenza di d’Alema trovatosi in una indesiderata alleanza coi mafiosi d’oltre Adriatico, Walteroni:  si presta a fare l’ideologo della mafia irlandese; fu il peggior sindaco che Roma abbia mai avuto, dopo Rutelli (quello che ha fatto perdere a Roma il treno dell’Anno Santo); ha sabotato la riforma Bersaniana dei taxi , ‘sto fijo de ‘na mignotta (etimologia: da M. Ignota);
– c3) e tutti gli altri figli di puttana (etimologia: opzione “put” su una tana). Ad es., non perche’ brilli, ma solo un mona qualsiasi tra i tanti: un Mussi che affonda una università già morta, perchè da Ministro BENALTRISTA, lui  ha “ben altro” di cui occuparsi che di quisquiglie come lo sfascio di insegnamento, ricerca, scienza e tecnologia  e l’assenza di un “Sistema Nazionale dell’Innovazione” nel belpaese: le sue correntuzze frazioniste di altri mussi come lui (nel senso veneto del termine: ed i muli MI SCUSINO per il modo di dire, che li offende).
Meditiamo sulle motivazioni assai serie, seppur discutibili, delle dimissioni del sen. e collega economista Nicola Rossi; come sapete, un protagonista della politica post-comunista, tradizionalmente assai vicino a Massimo D’Alema, ed influente sul suo pensiero politico.