Bangladesh: to boycott or not to. A LIBERTARIAN DILEMMA.

BANGLADESH

Here is some follow up from last month’s collapse of a garment factory building in Bangladesh, which left more than 1,200 people dead. Namely: the US- Europe MNE divergence about safety policies, and the libertarian philosophy divided camp. A tale of two diasporas.

MIN wage per month for some Asian countries: $138 China, $66 circa India and Vietnam, $38 BANGLADESH: see Fig.from the WSJ  in my facebook timeline, may 13 here.

May 14, WSJ

By SHELLY BANJO And CHRISTINA PASSARIELLO:  Review & Outlook: A Do-Over in Pakistan page A14

Wal-Mart and Gap Hold Off on Legally Binding Pact to Improve Worker Safety

“This is the first serious step by the Bangladesh government taken over the last 10 years and the most important step by the brands and retailers to pay the real cost of production and ensure workers are safe,” said Dara O’Rourke, professor of environmental and labor policy at the University of California at Berkeley. But, he added, “Wal-Mart, Gap and other U.S. brands are glaringly absent and unless they step up, the agreement will have limited effect.”

May 15, ft:

Rift opens over textile worker safety in Bangladesh

By Louise Lucas and Barney Jopson

May 17, bleedingheartlibertarians.com

The ongoing debate in the libertarian camp, in a BHL post:

Should You Buy a T-Shirt Made in Bangladesh?

by Matt Zwolinski

Recent events in Bangladesh have brought moral questions surrounding sweatshops into the spotlight again. And many consumers are wondering whether they might be doing something wrong by purchasing goods that are made in Bangladeshi textile firms. Some are calling for a boycott of clothing companies like Joe Fresh that outsource production there.

In response, people like Matt Yglesias and Richard Epstein have argued that a boycott is exactly the wrong idea, and have defended the lower labor standards employed by Bangladeshi firms. Others are not convinced.

Given the high heat and low light these debates often generate, this NPR Planet Money podcast is a nicely balanced look at the issue. It discusses the opportunities sweatshop jobs provide to Bangladeshi women, the reasons why Bangladesh seems to be stuck in the “t-shirt phase” of development, and how it might get itself out. And there’s more to come. Thanks to Jonathan Anomaly for the pointer.

More BHL on sweatshops:

  • A summary of work on my sweatshops here.
  • Roderick Long’s left-libertarian critique here.
  • My critique of the left-libertarian postion here and here.
Matt Zwolinski | May 17, 2013 at 11:13 am | Tags: sweatshops | Categories: Uncategorized | URL: http://wp.me/p1xtUY-1vu
Advertisements

Popephobia

Dedicato con amore assoluto (confuciano, giudaico-cristiano e kantiano: stessa cosa) ai miei cari 67 fratelli veronesi dell’Istituto Provolo:

alessandro vantini, dario laidi, gianni bisoli  – e gli altri.


ITALIAN SUMMARY:

SE QUESTA E’ UNA CHIESA.

Se questo è un uomo, diceva Primo. “Questo” non è un uomo: il mio fratello sordomuto dell’Ist. Provolo, sordo e\o muto dalla nascita o per incidente, nato verso il 1950  a Verona come me: lui NON E’ UN UOMO per il sign. bertone, Sancho Panza del vampiro PapaRatzi. Lo attestano, in alcuni drammatici punti chiave, le 86 pp. di doc del nyt (“the astonishing documents“) che passano già alla Storia come la SEPOLTURA DELLA CHIESA ROMANA sotto le sue deiezioni:

nonnoenzo > nyt ATTESTA Bertone:«a causa della loro menomazione» inadatti «a fornire prove e testimonianze senza aggravare i fatti» Se questa è 1 Chiesa


E questa è una Chiesa delle regioni salvifiche dell’età di Jaspers? Domanda retorica.

La Dowd (nyt)  avanguardia della rivoluzione sororista:

moltogatto@nonnoenzo erano suore pedo-berte, quindi pedo-filavano 😉

nonnoenzo@moltogatto dici pedofilia? Manovra delle femministe americane per far passare una suora papa -in realtà erano le suore che pedofilavano!

nonnoenzo

rt @MyPaesano Mistress of the Vatican: The True Story of Olimpia Maidalchini: The Secret Female Pope http://bit.ly/chRc3J


TWI-GIOCO – chiudere  il cerchio in 140 caratteri

nonnoenzo (twitter)

wordgame: pedofilia >piedofilo >scarpolino >zapatero >socialista >mangiapreti >vaticanista >culo in pista >ciulattone >PapaRazzi >pedofilia

The Daily Beast, April 3

AWKWARD
1.Vatican Defense Angers Jews

The Catholic Church is in plenty of hot water already this month over charges the Pope helped cover up acts by abusive priests, but a senior Vatican official has hardly helped matters by comparing the priests’ ordeal to persecution of Jews. Speaking at St. Peter’s Basilica in Rome with the Pope in attendance, Father Raniero Cantalamessa likened criticism of the church to “the collective violence suffered by the Jews” and said he had the support of at least one Jewish friend in making the connection. The secretary general of Germany’s Central Council of Jews, Stephan Kramer, told the Associated Press that Cantalamessa’s claim was “repulsive, obscene and most of all offensive towards all abuse victims as well as to all the victims of the Holocaust.” It’s been a Holy Week from hell for Pope Benedict—read about his six biggest crises.

Read it at The Daily Beast

April Fools day – Canta la Messa canta una trojata – parlan0 LORO, bastardi e culattoni: che per 2000 anni hanno perseguitato gli ebrei per deicidio, ed hanno ISPIRATO HITLER

Fool Padre Cantalamessa says, from the Vatican isolated fortress, that all the Cathò and laici criticizing their criminal defense of pedophiles are … anti-semitic! Fuck off. U R nazi, bloody children torturers!

L’Unità

«Contro il Papa e la Chiesa un attacco violento che ricorda l’antisemitismo»

02 aprile 2010

È in atto un «attacco violento e concentrico contro la Chiesa, il Papa e tutti i fedeli da parte del mondo intero. L’uso dello stereotipo, il passaggio dalla responsabilità e colpa personale a quella collettiva ricordano gli aspetti più vergognosi dell’antisemitismo».

Il pm di Milano: «La lista dei sacerdoti inquisiti per reati sessuali è lunga»

The Milano Tribunal representative says “I have a doubt. Many choose the priest profession in order to ..” (L’Unità, April 1sr). We never doubted that!

March 27 update

Very naughty question: from the “perfida Albione” where the retrò wing of the Anglican church…these fucking silly bastards, they want to enter into an already died Roman Church! A case of “amor mortis”.
nonnoenzo
ahah! Yes, the last 1 can @friendsofdarwin: BBC: Can a pope resign from office? http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/europe/8590308.stm
Answer: YES, possible (perfectly legal from AD 1294). NO: pretty unlikely motu proprio.

☮ ☯ ♱ ✍

Murphy’s Law is a bitch and PapaRatzi is his best client – by grace of this law, he’s heading for implementing the prophecy on the Last Pope (intimately linked with Fatima and Medjugorie).
When we read the March 25 nyt, our 1st reaction was: this is something – but NOTHING (except for the material proof of PapaRatzi’s personal implication); in Verona, at the Deaf Institute Provolo even worst happened, namely on the predators side: not just one, but AN ENTIRE INSTITUTION; dozens of priests and auxiliaries raped at least 60 boys, and at least one of them was regularly raped by the Bishop of Verona of the time, and no one ever paid anything for all that, revealed 1 year ago by L’Espresso.
The 26 night, very timely “Mi manda rai3” (a public broadcast for the people) has denounced the Verona case. Here’s a twit-chronicle of the emission.

What emerges is a strong parallel, because of Deaf victims and how the Catholic hierarchy despises such people as they were sub-humans (again, as they did in history with slaves and non Europeans), between the two paradigmatic cases: Mr Murphy, and Verona’s Istituto Provolo.
Let’s see how “il Tafano” blog (reporting Massimo Franchi, L’Unità) summarizes the 86 pages of nyt evidence:

Pedofilia di Lawrence Murphy: Bertone e Ratzinger sapevano

Dalla lettura integrale dei documenti pubblicati dal New York Times sul caso del prete pedofilo Lawrence Murphy, la gravità dei comportamenti di Monsignor Tarcisio Bertone (all’epoca segretario della Congregazione della Dottrina della Fede, presieduta da Joseph Ratzinger) assume un rilievo sempre maggiore. Colpiscono soprattutto le motivazioni con cui Bertone, in un incontro con gli arcivescovi americani venuti a Roma per spiegare la gravità dello scandalo, decide scientemente di non procedere nel processo canonico conto il Murphy, motivandolo con giudizi assai gravi sulle vittime sordo-mute, ritenute «a causa della loro menomazione» inadatte «a fornire prove e testimonianze senza aggravare i fatti».

Actually, what PapaRatzi and Bertone did to Murphy Law victims, more or less  the  Verona Diocesi Bishops and Curia did to the Istituto Provolo boys (of my age: the three at rai3  the 26 night were born in 1950). At the time, the Verona Bishop even raped one of them, Gianni Bisoli (while we have not yet such elements against PapaRatzi: he’s pro-pedophile, not pedophile himself). The parallel goes mainly with the despise and hate towards the HRs of the Deaf.
This religion is absolutely, definitely dead – when it comes to betray the hard core of the message of all the Salvation Religions, for the sexual hard core, it’s the end.

FOLLOWING THE SCANDALS

Posted by Amy Davidson
Two quick, non-comprehensive notes on resources for anybody following the (latest) Vatican abuse scandal:
Laurie Goodstein’s piece in the Times, which I wrote about today, is accompanied by a collection of pretty astonishing documents.
And Andrew Sullivan, perhaps needless to say, is on the case—see especially his post today on the Church’s category confusion regarding sin and crime.
• KEYWORDS Andrew Sullivan; Laurie Goodstein; Vatican; abuse
Previous ref.s:
BBC state-of-the-art from Ireland, US, etc. About Verona:
A number of deaf men have come forward to say they were abused as children at the Antonio Provolo Institute for the Deaf in the northern city of Verona between the 1950s and the 1980s.
The allegations were first reported in the Italian press in January 2009.
Later last year the Associated Press news agency obtained a written statement from 67 of the school’s former pupils naming 24 priests, brothers and lay religious men who they accused of sexual abuse, paedophilia and corporal punishment.
The diocese of Verona said it intended to interview the victims following a request from the Vatican to do so.
–  “Ratzinger e Bertone occultarono il caso” – the nyt revelations reception in Italy,  http://www.repubblica.it/esteri/2010/03/25/news/pedofilia_vaticano_nyt-2883760/
– everything starts, well just the current telenovela stage: March 25 nyt.
The personal role of PapaRatzi as Inquisition manager in pro-pedophilia has ALWAYS been known: we are just talking now of further details on a few cases, among many (e.g. in my towm, Verona, a bunch of priests have done MUCH WORST than the nyt case: really worst, and no one talks about). About his precedents as the MAJOR pro-pedophile in the Vatican hierarchy:
Molti ormai fanno riferimento alla «Epistola de delictis gravioribus» (Lettera sui delitti più gravi) inviata il 18 maggio 2001 a tutti i vescovi della terra con cui il cardinale Ratzinger blindava gli abusi sessuali del clero imponendo il «secretum pontificium» (segreto papale) e vincolando così al centro vaticano la competenza di tutti i reati sessuali ad opera dei religiosi di ogni parte del il mondo.
La definizione di «segreto pontificio» è stata firmata nel 1974 dall’allora Segretario di Stato, cardinale Jean Villot, dopo un’opportuna direttiva ricevuta dalla viva voce di papa Paolo VI. Il testo sottolinea che è assolutamente escluso che un argomento sottoposto a segreto pontificio possa essere portato a conoscenza di «estranei» cioè, per esempio, di polizia, carabinieri e magistrati o degli stessi genitori delle vittime dei casi di pedofilia del clero. L’articolo 3 della direttiva dice che: chi è tenuto al segreto pontificio ha sempre l’obbligo grave di rispettarlo e chi non lo fa rischia delle sanzioni vere e proprie. È proprio l’imposizione del «segreto pontificio» che il teologo tedesco Hans Kung, ha rinfacciato al papa.
Enzo Mazzi, il Manifesto – on the bloody “Pontifex secret” application to pedophily by PapaRatzi in 2001,
In PapaRatzi’s Church (a bit less ethical than a satanic sect), a pedophile is treated as an unauthorisedly married priest, i.e. much better than a socially engaged Liberation theologist, or a LA bishop (Romero) unaligned with Washngton DC  pensée unique.
From p. 81 of nyt doc, this nice letter from PapaRatzi’s shadow, Mr Bertone:
CLICK  in order to read better

PER BABBO ENGLARO: palle di merda ai giudici kafkiani

BREAKING NEWS DI MERDA

Una Procura (di Udine, ma altre seguiranno) olezzante, istituzione-cardine della Repubblica appoggiata sul comò:

COMO’ = Costituzione Oligarchica dei Mentacatti ad Oltranza, siano essi di destra, centro o sinistra, purché:

SOLI = Solo Oppressori  delle Libertà Inalienabili (art. 1: “In culo al popolo, con l’ombrello di Altan”),

ha, questa Procura Procuratrice di Ingiustizia:

a) “PER DOVERE DI UFFICO” dice  il  simil-Procuratore (probabilmente un Alieno), DAVANTI A TANTE DENUNCE che se le sarà mandate lui con la mano sinistra

b) “DOVUTO” (SIC) PROCEDERE CONTRO BABBO ENGLARO PER  …. OMICIDIO DELLA FIGLIA: presunto o già accertato, Sua Fetenzia?

APPELLO ACCORATO.

Sommergiamoli – come in una commedia coprofila medievale di Dario Fo – di tonnellate di merda e rifiuti, reali e virtuali, ripuliamo la Campania tutta e già che ci siamo la Laguna di Venessia (a xe na latrina, ciò) – sommergiamo di scoasse sia terrone che venexxiane, questo Gentile Signor Procuratore dell’Illegalità di Sua Maestà. Facciamoci arrestare tutti per aver sepolto di MERDA il Palazzo d’Ingiustizia di questo Giudichicchio da Processo di Kafla, che si permette, sto fetentone, di disturbare  Babbo Englaro ed il suo cordoglio.

QUESTI GIUDICI NON HANNO RELIGIONE !!!!

TUUTI CON  BABBO ENGLARO, LO ABBRACCIAMO,  indipendentemente da qualsiasi teoria sulla vita:

PRO VITA VERA, PRO ENGLARO NOW (pure chi prima non era d’accordo, please).

Paolo Gabrielli: a libertarian traveller, an inquiry journalist of the purest race

An Apostolically  biopolitical Letter on sorrow for Paolo’s death, and relief.

The legacy of a global traveller, and a San Giorgio like journalist, gentlemanly fighting the Beast.

Disegno di Raffaello. http://www.thais.it/speciali/disegni/Raffaello/Foto/Alte/06.jpg

drago-disegno_raffaelloVERSIONE ITALIANA (English one  below)

PAOLO, L’UOMO DELLA DOLCEZZA; E’ MORTO MOLTO DOLCEMENTE, NEL SONNO. COM’ERA DESTINO.

PAOLO, L’ULTIMO DEI PRIMI ED IL PRIMO DEGLI ULTIMI, E’ MORTO NELLA NOTTE TRA L’ULTIMO ED IL PRIMO: COM’ERA DESTINO.

ULTIMO, PER MODESTIA E PER INTERESSI ESTROVERSI  ANCHE AD ALTRI RACCONTI (la musica del mondo, i popoli del mondo): L’ULTIMO – TRA I PRIMI GIORNALISTI ITALIANI.

PRIMO DEGLI ULTIMI, I DANNATI DELLA TERRA. PERCHE’ PAOLO E’ UNO DEI GIUSTI.

Amore a Laura, Lella, tutti i parenti ed i tantissimi amici di Paolo:

la GG (Galassia Gabrielli) a Como, Curitiba, Negrar, Padova, Verona, ecc.; siano benvenuti i vostri commenti qui, ma vi dirò di più: ho già riservato uno spazio per un blog collettivo degli amici di Paolo, che gestiremo in comunità, ed organizzeremo bene nelle prossime settimane  – non so: un suo archivio giornalistico, link alle – e brani dalle sue guide turistiche “vissute”; news, nuovi acquisti di CD e cronache da una specie di “casa dell’amicizia” che resterà dov’era, su quel colle di mira sulla valle, come hanno deciso con amore le sorelle  Laura e Lella. Il blog che organizzeremo con chi ha voglia di smanettare e copia-incollare, e con Laura e Lella, sorgerà presto all’indirizzo (AD ORA VUOTO, ma da me “riservato” per un uso comunitario):

http://paologabrielli.ilcannocchiale.it/

nel collettore il cannocchiale che, oltre ad essere di un’area di sinistra affine al Nostro, raccoglie i blog di illustri firme del giornalismo, da olivero beha a  stefano feltri  e marco travaglio, ad es.

La Mattina del nuovo anno, nella sua casa di Negrar Paolo non s’e’ svegliato.

La sua scrivania al Gazzettino di Padova, vicino a Piazza delle Erbe lo ha atteso invano.

Vi invito a meditare su questo decalogo in cui cerco di ricostruire ciò che Paolo ci ha insegnato come un FILOSOFO TACITO, implicito, che “dà l’esempio”. Praticando la sua arte del buon vivere, con qualche eccesso ma anche molta moderazione; sempre “cool”, rilassato alla carioca, nessuna fregola iper-competitiva. Proprio l’opposto dello stilema del figlio di una “mamma ebrea” (il cui esempio, sempre tra i miei amici, e’ il paradigmatico Giovanni Dosi). Paolo era ed e’:

1. un amico (abbiamo co-abitato in allegria per tutti gli anni ’90) ed un tessitore di amicizia

2. un compagno

3. un sognatore

4. un libertario sessantottino

5. un seduttore

6. mai depresso (ma non superficiale, quindi  capace di governare l’angoscia esistenziale)

7. un edonista generoso.

8. Un giornalista d’inchiesta di prima classe, nelle varie redazioni venete de Il Gazzettino (e nell’esperimento del Nuovo Veronese):

– dallo scandalo dei petroli a Treviso – a Mani Pulite a Verona: un  pioniere della lotta alla corruzione politica (nel lignaggio di Gaetano Salvemini)

– nei grandi casi di “nera” veronese: rapimento Tanchella, Maso e Stevanin – dove, con la sua nonchalance,  stringeva facile amicizia con le firme nazionali

– ha speso gli ultimi 2, degli oltre 3 decenni di giornalismo, in quel di Padova, tra cronache economiche, sindacali ed altro.

9. Se ricapitoliamo sin qui: dopo gli studi con Carlo Bo ad Urbino, ha imparato sul fronte della notizia il mestiere del giornalista “correttamente politico” (invertendo la formula USA del “politicamente corretto”), anche contro i corrottamente Politici, o imprenditori. Paolo e’ stato un San Giorgio che, se non ha sconfitto, almeno ha combattuto il dragone corruzione. Allora il 5 gennaio eravamo al posto giusto, nella San Giorgio in Braida di Michele Sammicheli. Così piena. Un corretto, molto rispettoso “discorso per Paolo” di don Piergiorgio. Ed Ubi, con sarcasmo tagliente: “Mai visti tanti atei in Chiesa”.

10. Last but not least, la cosa PRINCIPALE, in cima ai suoi sogni: IL  GLOBAL TROTTER del turismo alternativo, faidate, naif, SLOW TRAVEL. Dopo un paio di viaggi, sfornava la guida del paese. Con nostro grande stupore, non scevro di invidia: dove trovava il tempo, la pazienza ed il metodo, per  costruire brano dopo brano la sua nuova Guida Calderini?  Tra un giro di telefonate di routine (ospedali, CC, …), uno scoop alla concorrenza, e la delusione per uno scoop subito.

Uno dei suoi amici più cari, Dirceu Antunes ha scovato questa frase nella introduzione al suo “Madagascar” del 1997 (Bologna: Calderini). Un suo sosia, il geografo e viaggiatore dell’800 Alfred Grandidier, scrive nei suoi Souvenir de Voyage:

Giunto ad Anakao mi recai dal capo villaggio, che però era in agonia. Alcune donne erano sedute intorno a lui (..). Una ragazza mi chiese se il capo fosse morto. Io risposi che la sua malattia più grave erano i lunghi anni in cui era vissuto. ‘Non e’ ancora morto e forse vivrà ancora qualche settimana’, dissi per consolarla, MA E’ INUTILE CONSOLARE QUALCUNO CHE NON E’ TRISTE. In Madagascar, infatti, i parenti non provano un vero dolore dopo la morte di un membro della famiglia. Parlano, scherzano e ridono come se non fosse accaduta nessuna disgrazia. Il vegliardo invece morì per davvero quella notte ed in suo omaggio furono sparati alcuni colpi di fucile davanti alla capanna.

Paolo definisce così il focus della sua guida:

un paese unico nel suo genere: un pezzo d’Africa che sembra preso a prestito dall’Asia, un puzzle di popoli e di razze tenuto insieme come per miracolo da un’unica lingua. La guida ci accompagna passo a passo alla scoperta di questa terra abitata da gente povera, a volte poverissima, ma sempre disposta ad accogliere con grande cordialità i visitatori stranieri.

Il dolore per la sua assenza, al passar dei giorni  viene sorpassato dal senso di fortuna, di grande chance di averlo incontrato  e bevuto libagioni al Sacro Calice: il Graal della sua amicizia e del suo “clan”. Don Piergiorgio, quando Laura gli ha spiegato per chi doveva dir Messa, ha scelto (dal Libro della Sapienza): L’uomo giusto –  vicino a Dio –  e’ colui che ama.

Sapienza – Capitolo 3

Confronto tra la sorte dei giusti e quella degli empi

[1]Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,

nessun tormento le toccherà.

[2]Agli occhi degli stolti parve che morissero;

la loro fine fu ritenuta una sciagura,

[3]la loro partenza da noi una rovina,

ma essi sono nella pace.

Sapienza – Capitolo 4

La morte prematura del giusto

[7]Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo.

[8]Vecchiaia veneranda non è la longevità,

né si calcola dal numero degli anni;

[9]ma la canizie per gli uomini sta nella sapienza;

e un’età senile è una vita senza macchia.

Sapienza – Capitolo 12

Lezioni divine per Israele

[19]Con tale modo di agire hai insegnato al tuo popolo

che il giusto deve amare gli uomini;

inoltre hai reso i tuoi figli pieni di dolce speranza

perché tu concedi dopo i peccati

la possibilità di pentirsi.

“La morte non tiene conto degli anni. Non sai in quale momento essa ti aspetti; perciò aspettala in ogni momento.” (Lucio Anneo Seneca)

ENGLISH TEXT

Love to Laura, Lella, all Paolo’s relatives and friends.

Comments from them or anyone else are welcome. We are remembering here Paolo, one of the most amiable and sociable people I ever met in life.

The New Year dawn Paolo Gabrielli didn’t wake up – while in his home in Negrar, Valpolicella. In the morning of Jan. the 1st, his desk at il Gazzettino, nearby Piazza delle Erbe, Padova, was waiting for him in vain.

Let us meditate on this decalogue, the legacy: what Paolo taught us silently, AS A TACIT PHILOSOPHER. Just practicing an art of good life with some excesses but also moderation:  always cool, relaxed à la carioca, no hyper-competition whim. Definitely not the child of the paradigmatic “Jewish mother” (whose paradigm in Italy is another friend of mines, the paradigmatic Giovanni Dosi). Paolo was and is:

  1. a friend (we shared a flat in Pescantina in the 90s and tolerated each other while having a lot of fun), and a friendship weaver;
  2. a comrade,
  3. a dreamer,
  4. a ’68 libertarian,
  5. a charmer,
  6. a never-depressed (but existential angst, yes of course),
  7. an unselfish Edonist.
  8. A 1st class inquiry journalist at “il Gazzettino” in TV-VR-VE-PD:
    • ranging from the Scandalo dei Petroli in Treviso to Mani Pulite: when Paolo was a white cavalier, early fighting (in the Gaetano Salvemini noble tradition) political corruption in Veneto and Italy;
    • to the Tanchella kidnapping and Maso outstanding cases of “noir” chronicles in Verona’s province, where Paolo entrenched friendship (a natural art for him) with the national correspondents sent here for the emergency.
    • In the last 2 of his 3+ decades of journalism, doing a bit of everything, but namely economic and trade union news in Padova.
  9. Drawing from his  school on the battleground, where  Paolo “learned by doing” (after his degree in Urbino) the inquiry and “correctly political” journalism: Paolo has been a St. George fighting, if not defeating the Corruption dragon. That’s why yesterday, January the 5th, the Michele Sammicheli’s Church of San Giorgio was so full, at his funerals. It was the right Church to be, to say farewell to Paolo. On the way out, nipping Ubi photographed the paradox with dry wit: never seen so many atheists in a Church.
  10. But, above all: he was a traveller, a sort of global globe trotter capable of writing the perfect tourist guide of a country, after a lot of reading and just a couple of visits (this makes me remember Walter Peruzzi writing a cycling guide of England – NEVER HAVING BEEN THERE).

His closest friend Dirceu Antunes (photographer and free lance journalist in Brighton, E. Sussex), cleverly found out this sentence in Paolo’s introduction to his Madagascar guide (Bologna: Calderini, p. viii). From his similar and sosia Alfred Grandidier’s Souvenirs de voyage, travelling in the big  island in 1865-70, he translates and quotes:

SEE QTN. ABOVE

ENGISH SUMMARY: The French geographer and traveller explains, on the occasion of the death of a Chief, that there is no true sorrow when a relative dies in Madagascar.

The same applies to Paolo: he was really a gift, a Pandora repository of anti-depression and happiness for the ones he crossed. The angst, the sentiment of being lost, of LOSS  for having all of a sudden lost his company, day after day is overwhelmed  by  the emergence of a new sentiment of satisfaction and gratefulness to Destiny, since we had such a good chance to meet him, and  share so many things with him and his circle.

1436

PAOLO IN REDAZIONE. HANNO DETTO DI LUI:

il pizzaiolo de La Fontana di Avesa (testimone dell’ultima cena di Paolo):

a cena il 31 gennaio, mi aveva detto di andarlo a trovare: mi avrebbe fatto conoscere i suoi amici palestinesi di Padova, miei conterranei

FNSI, Fed. Naz. Stampa Italiana, 1 gennaio

Morto nel sonno in casa il giornalista del “Gazzettino” Paolo Gabrielli, 57 anni, veronese, grande viaggiatore, appassionato di musica e letture

Giornalista acuto e aperto, era appassionato di viaggi, musica e letture.

Giornalista professionista dal 1982, Gabrielli aveva seguito a Verona i principali casi di cronaca nera e giudiziaria Maso e Stevanin prima di approdare alla redazione di Padova. Grande appassionato di viaggi, aveva anche scritto alcune guide turistiche sui Paesi del Sud America. Lo hanno trovato nel suo letto esanime, con il libro aperto posato sul comodino nella sua abitazione di Negrar in provincia di Verona. Ieri lo hanno ricordato in tanti, sia per l’impegno professionale, sia per l’impegno umano. Paolo Gabrielli aveva girato il mondo, aveva una mentalità aperta, pronto al confronto, fuori dagli schemi e dagli schieramenti.

Addio a Paolo Gabrielli, giornalista viaggiatore del Gazzettino

Tutti lo conoscevano per l’innata gentilezza, per i modi cortesi, il suo approccio mai “urlato”, con i colleghi e con le notizie. http://www.youreporter.it, 1.1.2009: Addio Gabrielli, viaggiatore gentiluomo

E’ scomparso Gabrielli

Un uomo che non si stancava di ritornare quasi ogni sera al suo rifugio di Negrar, sui colli veronesi, dove riusciva a coltivare le sue passioni, libri e musica da ogni parte del mondo, purchè vera, originale; un mezzo toscano, un bicchiere di Amarone e la compagnia della fidanzata, di amici e parenti. Con lui si poteva parlare della Marsiglia di Izzo o dei nuovi suoni del Maghreb, del sudamerica o del prossimo viaggio in qualche meta assolutamente improbabile. Paolo era in fondo un giornalista naif, tanto primitivo da non cedere a mode, senza sovrastrutture mentali, disponibile sempre al confronto, nessun dogma e tanti dubbi, una ricetta di saggezza.

il Gazzettino, 2.1.2009, ediz. pd, p.5.  E’ scomparso Gabrielli.

Trovato morto nel suo letto. Aveva 57 anni (ab)

2paoli

Italy in general strike against M Tremonti’s kafkian procyclical plan

PER UN COMMENTO IN ITALIANO

ALLO SCIOPERO CONTRO IL GOVERNO KAFKIANO: GOTO

uno sciopero contro lo sciopero della Ragione

20_mascarete-a-boogna-el-dodezeall the photos in this post: from the 200,000 people today in Bologna (top of the 1.5 million in Italy). Photos Eikon from

http://bologna.repubblica.it/multimedia/home/4069354/1

We already knew the Italian Government, as far as we know a  unique case in one of the  deepest ever recessions, was doing nothing, just words and words. Unfortunately the Trade Unions front broke up, AND ONLY  THE LEADER TU, CGIL (traditionally linked to the socialist and communist party, in the past decades) and the new, 1968 rooted and radical CUB (but not CISL and UIL) are calling today, Friday Dec. 12 a general strike for an effective policy anti-crisis, and for the burden not to B entirely on the workers’ shoulders.

The day before the strike, something really absurd, amazing and Kafkian was discovered by the Parliament staff, and publicised by Bocconi economist Tito Boeri, the animator of the alive site lavoce.info. On the PD  (Democratic Party) daily “L’Unità” and other Italian newspapers, Boeri explains that the Tremonti supposedly stimulus plan, after shrinking and shrinking in a few days from the original €80 bn and getting to 0, finally changed to a negative sign.

12piazzamaggioreTremonti Plan IS ACTUALLY PROCYCLICAL: THEREFORE IT  WOULD WORSEN  the STAG-DEFLATION calamity in our national economy, not even providing any social protection for the further  unemployment it will yield. In fact, the Plan modifies the Govt. Budget with a net positive variation (more new taxes than expenditures) of €390 million, while EU – slowed down by Ms Merkel –  is increasing net expenditure towards €1 tr (0.2 tr coordinated by Bruxelles, plus all the national measures and plans), and the US are already over $2 tr.

Even Ms Merkel, while resisting State expenditures with the usual  crazy German  monetarist mentality, even craziest in Times of Stag-deflation (Roubini): even Ms Merkel, perhaps for a sense of being guilty, is planning a SHORT LABOUR WEEK plan: the State will pay the unworked  5th day salary, not the  firms, so that the unemployment bubble of the next few years would be “shared” in solidarity.

TREMONTI IS MUCH WORST, with no ethical restraint and full powers (actually more than a President in France and US, although unofficially, Italian Style); he is the man in command now: Berlusconi is his PR man.

13piazzamaggiore

You find the links to Boeri’a analysis (IN ITALIAN) either at la voce, going to Dec. the 11th in the calendar u find there,  or as a link from our deeprecession blogpost (IN ITALIAN as well):

uno sciopero contro lo sciopero della Ragione

where you find also this  leaflet full of colour and some Applestyle editing:

oggi si sciopera e si va in piazza con CGIL e CUB

per salvare l’Italia, per i nostri figli e nipoti

Here, the green – white – red colours of our National flag are on purpose. The Berlusconi Government  is contradicting every  possible logic, Reason itself,  and betraying our country. Today not just the left will be walking in the streets and most beautiful squares, but many moderate and patriotic people as well. Bipartisanship is not an Obama’s monopoly, after all.

ciao eluana

 

eluana-englaro-BY-giuglaro_189\2007Dopo una sentenza definitiva ed EPOCALE della Cassazione, Eluana può finalmente lasciare il proprio corpo.

Buddha: “Ricordati che la vita e’ un ponte: non costruirci sopra una casa“.

MUCH MORE alla nostra pagina statica: VITA FORZATA.

La bellissima imagine e’ di Gioraro ©, ripresa da scheggedivetro.blogosfere.it