Stavolta, Tremonti QUASI ok!

Approvata la Tremonti-Gelmini alla Camera: passerà al Senato prima del 14? I baroni bipartisan l’avevano finora stoppata. E’ stata INGIUSTAMENTE accusata di essere la L. Tremonti, e non più la Gelmini, per via del taglio di fondi: ANCORA INSUFFICIENTE! Occorre ridurla alla fame questa pseudo-Università, perche’ si dia una mossa.

Pieno sostegno alla “Legge Tremonti” x l’uni,

contro le lotte in stato confusionale.

Ma che non si Voltremonti la testa, prenda le sue cose e se ne vada per sempre da qualsiasi governo della penisola.

FAQ – Perche’ mai si dovrebbe dare alcun finanziamento, anche solo di base, a QUESTA università prima di una sua riforma totale? Dandole soldi a pioggia e vanvera (senza: 1) riforma radicale del corpo docente, mandando PRIMA a casa tutti quelli senza Ph.D.; 2) soldi solo per indici standard di merito, corretti come si vuole per evitare i bias: ma INDICI!!!):
1) si indebolisce la vera ricerca, competitiva, di frontiera e non sussidiata, che passa nei concorsi internazionali e spesso si fa finanziare da Bruxelles;
2) si affossano nella melma dell’AUTOCRAZIA ACCADEMICA, e si taglian i ponti alle RARE isole di ricerca applicata di qualità, appetibile ed utile all’industria: poco più di S.Anna Pisa, Poli To e Mi, e gran parte di Ingegneria Pd;
c) se si continuasse a mantenere una università pubblica africana (o peggiore di quest’ultima), tanto vale privatizzare le isole anzidette (non solo le cit. ISOLE tecnologiche: poli idem o simili nelle altre discipline non tecnolog.; qui nessuno e’ produttivista, ma sappiamo anche, e non dimentichiamo CHI PAGA IL CONTO DELLA CULTURA e delle Humanities, in termini Smith-Marx-ClaudioNapoleonici). Ovviamente, per privatizzare occorrerebbero robuste e lungimiranti Fondazioni di tipo USA e non tipo Biasi-Verona et similia: come fa notare Ann Markusen nel suo ultimo art., una differenza strutturale tra i 2 lati dell’oceano anche per l’arte. Ogni paese ha le istituzioni che si merita, noi le Fondazioni di Tremonti!
d) NON SI INSEGNA, perche’ non si sta facendo ricerca, quindi non s’ha da insegnare proprio nulla. Si dice: studiate il manuale da pag. X ad X+n.  Come fanno tutti i professori italiani senza Ph.D. (la loro maggioranza, e tutti i vecchi baroni di Provincia).

Molto UTILI gli approfondimenti in questi giorni  su noiseFromAmerika, in particolare il recente post di Paola Potestio coi dati degli effetti occupazionali dei perversi “concorsi locali” voluti da Berlinguer (tra i  peggiori Ministri della lobby baronale).

Daniele Checchi e Tullio Jappelli su lavoce.info

La valutazione della ricerca è ferma al 2001-03, e in assenza di nuovi dati ogni ripartizione dei fondi tra gli atenei sulla base del merito ha perso qualsiasi riferimento credibile. La nuova agenzia di valutazione della ricerca (Anvur) non è ancora operativa: non sono stati ancora nominati i componenti del consiglio direttivo e ci vorranno anni prima che la nuova agenzia sia in grado di produrre i primi risultati.

UN FUTURO PIÙ INCERTO

Ci domandiamo se questo sia il contesto adeguato per introdurre riforme strutturali della portata di quelle proposte nell’originale disegno di legge. Quella che doveva essere una riforma bipartisan della governance universitaria e delle carriere si è trasformata in un rantolo agonico di un governo che deve necessariamente ottenere qualche risultato da sventolare nell’imminente campagna elettorale.

Advertisements

Antartide. Non molliamo la Concordia e la Mario Zucchelli!

If you use Facebook, you can give a look, and eventually join theis  pro-basic research and science “Cause” I am coordinating.

http://apps.facebook.com/causes/233621/29632546?m=8267094b

In this drawing Giuseppe, aged 4, from the Pediatric Hospital “Bambin Gesù”, Rome, has just seen the CNR research group in Antarctica in a videoconference, and he expresses a spontaneous wish: “When I grow up, I want to do the same work as you”.

giuseppe_2

SUPPORT ITALIAN CNR BASIC RESEARCH IN ANTARCTICA

Facciamo in modo che Giuseppe (4 anni, generazione Post-Millennial),  caso mai non cambiasse idea, possa insistere nella sua Vocazione Scientifica. Ecco come ha reagito subito dopo  una videoconferenza tra il Bambin Gesù ed i nostri ricercatori della Base Concordia.

dalla mail di Cara Maria Carlevaris, Roma alla Base Concordia,  5 dicembre 2008

Fonte, il simpaticissimo blog di Concordia Base


Appello alla concordia su Concordia

ACCORATO APPELLO AI MIN. Gelmini e Tremonti: manteniamo viva la ricerca di base CNR in Antartide, dopo 25 anni ininterrotti – non abbandoniamo la Stazione Mario Zucchelli, e la  base Concordia  (com’è oggi costretto a programmare  il CNR, per i tagli al budget ed ai progetti?  Così dice il TG2 Dossier del 28 febbraio), con tutti nostri investimenti, osservatori (il carotaggio di 3,5 km del ghiacciaio per ricostruire la storia climatica in 1 milone d’anni: una CONOSCENZA VITALE per la biosfera, e le politiche di adattamento\moderazione dei cambiamenti climatici estremi) e le ricerche avviate, solo ai cugini francesi che hano dietro uno Stato degno di questo nome.
Uscirà a giorni il resoconto (emissione del 28 febbraio) su  tg2dossier@rai.it:
http://www.tg2.rai.it/rubriche.asp?id_p=2037&page=1&id_r_cerca=4&t_cerca=&d_cerca=

MA ANCHE, VEDI I NOSTRI RICERCATORI nelle MISSION (IMPOSSIBLE quelle invernali!)

http://www.italiantartide.it/spedizioni/xxiv/

– La Mario Zucchelli Station, solo italiana ed ininterrotta dal 1986 !!! Ma vogliamo scherzare, chiuderla o anche solo ridimensionarla?

NO PASARAN.

Si occupa (secondo en-wiki, tabella  http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_research_stations_in_Antarctica) di: Oceanobiology, Oceanography, Geology, Geomorphology, Glaciology, Meteorology, Climatology, Seismology, Magnetism and Ecology.

– La base Concordia, che (SECONDO IL TG2 DOSSIER DI STASERA)  lasciamo ai cugini francesi con cui cooperavamo: http://www.cnr.it/sitocnr/IlCNR/Chisiamo/Concordia.html è davvero uno dei blog più carini che ci siano in rete (infatti lo abbiamo subito linked nel nostro blogroll IPER-SELETTIVO, e non solo in questo blog); fa anche divulgazione scientifica di qualità, stile social media: si capisce cosa fanno (cosa rara) in modo light, personale  e  piacevole;  la discussione sul telescopio fa capire come funziona la cooperazione dentro il CNR: bene (praticamente usando la mail, in parte riportata nel blog, come una Intranet)

– il ghiaccaio spesso 3-4 km. è più o meno un deserto: Laura Genoni, CNR, guida INFATTI una carovana di cammelli in Antartide, il 2 dic. 2008, in piena, torrida estate australe!!! (non più 70-80, solo 30 sotto zero): http://www.cnr.it/sitocnr/IlCNR/Chisiamo/popupConcordia.html?fotoId=65

cammelli

– un meraviglioso ARC-EN-CIEL CIRCOLARE attorno alla base, dove a momenti si parlerà solo francese? La vendetta di Vercingetorix sulle malefatte di Julius Caesar? Asterix vieni in nostro soccorso con la pozione …

– tramonto mozzafiato dalla Concordia

arcobaleno2verso20il20primo20tramonto