3 Consigli per l’estate: Grossman Guimaraes R. e Leopardi

 

Le mie preferenze di lettura IN ASSOLUTO.

Capita che ne siano rimasti fuori – di poco – i voli Pindarici, Omero Lucrezio Dante Cervantes Galileo padre Ricci Hume Smith Kant Hoelderlin la Achmatova e Yves Bonnefoy.

Ecco il podio della contemporaneità, filosofia poesia racconti-romanzi saggi e scienza.
Un unico moderno non contemp.: Giacomo. Ma poi ho aggiunto il suo maestro di italiano e letteratura Galileo.

1 Joao Guimaraes Rosa 1908-67, Grande Sertao. Veredas (intraducibile: solo per questo, vale la pena imparare il bras.-port.; anche per mulatt* o minute bellezze caboclo di Belem e Sertao)
2 Tutto Giacomo Leopardi 1798-1837 letto in tanti modi (non da E. Severino!), ma l’introduzione classica è il libro di P. Citati che ti porta dentro la mente di Giacomo in ogni stagione
3 Vassilij S. Grossman 1905-64, vita e destino. Lo scoprii negli anni ‘90 perché era il romanzo di rif. del mio filosofo personale, Emmanuel Levinas 1906-95. Di EL i 2 più grandi essays di sempre (Totalité et Infini 1961, Autrement qu’être ou au-delà de l’essence 1974): rifondazione di una filosofia non-classica, extra Cartesiana, dopo Heidegger e Shoah. Partendo dalla visione originaria, prima del determinismo linguistico, del volto di Autrui

 

Sotto al podio:
4 Thomas S Eliot 1888-1965, The Waste Land. Locus classicus per noi Sussex pupils: il weekend di sesso in albergo a Brighton, al v. …
5 Horcynus Orca, di Stefano D’Arrigo 1919-92 (il più giovane dei qui nominati, della gen. di mio papà). Anche, un parco di Messina; e la comprensione dell’umanità, intelligenza e gran cattiveria dei delfini

6 Galileo Galilei 1564- 1642, Il Saggiatore del 1623 e Dialogo … 1632,

 

Advertisements

Enzitoriale, 8 dic. 2014. Per un Assolutismo illuminato

In morte della democrazia.

Per un AI, Assolutismo Illuminato

Podemos, volemos farci infinocchiare dall’ultimo populista ignorante e furbastro che passa per la via? Eh no, eh!

unclesamEssendo i liberismi, e soprattutto, miserabilmente, nell’ignominia i socialismi falliti ambedue (ovvio: eran gemelli monozigoti) in modo clamoroso. DEFINITIVO!

E non emergendo ancora sostanziali novità nel mercato politico (in quello delle idee e della ricerca si, eccome!), fioriscono i populismi più sciatti ed a contenuto 0. L’aveva detto SUBITO il più grande storico vivente, Wallerstein nel 2008: siamo in una nuova Grande Depressione  e si confronteranno di nuovo 2 famiglie di progetti politici per il consenso (come i Keynesismi Mussoliniani versus Roosveltiani tra le 2 guerre),

> i post-socialisti

> ed i neo – populisti.

E’ proprio così, se includiamo i fascismi (specie quello Jihadista, con una platea di 1 miliardo di stronzi) nei post-socialisti.

Ed escludiamo come irrilevanti i decotti liberismi (che la leggenda della Intelligentsia Stalin-Togliattiana EGEMONE nell’Accademia  globale, vorrebbe essere specularmente egemoni: ma il NEO-LIBBERISMO conta meno del 2 di cope con briscola a spade. L’Accademia KGB-PostStaliniana invece è inamovibile e controlla ovunque tutto nella produzione cul-turale. Non le sfugge nemmeno un posto di ricercatore a Jus, univr).

Il socialismo è morto già 3 volte: nella economia di cartone ben analizzata dagli studi comparati (e ricordo pure uno splendido libretto della compagna operaista Rita Di Leo), a Bad Godesberg (ove lo ha rigettato suo Padre stesso, il PSD tedesco che s’era inventato un Marx dal nulla) ed a Berlino – novembre 1989. Ma troppi sono gli intrecci e le irreversibilità che i post-socialisti hanno stretto con lo Stato Nazione in declino definitivo (Martin van Creveld 1989, The Rise and Decline of the State. Cambridge UP) ed il 66% della popolazione assistita. E’ DeadMovementWalking per qualche decennio ancora, poi basta socialismi, se Iddio vuole.

Evidentemente la crisi ha ottuso, rincoglionito le menti, se la gente (e pure brava gente! Anche amici cari …) da credito a questi arrivisti, mentecatti e sciamani di sest’ordine. Come il tragicomico genovese sgonfiato da Renzi, la putiniana Le Pen, Podemos, Renzi – CavBis (il più moderato della lista populista quindi il più pericoloso: fosse per lui rifarebbe la DC senonchè non può: non ci son risorse, siamo nell’era dei Trente Merdeuses e non c’è trippa per i gatti in siesta degli Stati Sociali), la puttana Salvini, Tsipras e UKIP.

La causa ultima di questa deriva populista?

E’ fallita\finita l’educazione, motore stesso del Moderno: la macchina a vapore che ha sollevato le menti.

Quindi la democrazia non esiste proprio più. Non è che sia in crisi: un c’è. Niente nostalgie: non c’è tempo da perdere! I populismi postmoderni, in collaborazione\conflitto e SIMBIOSI con merde secche del millennio passato:

– come il Cristianesimo Costantiniano (mi riferisco qui alla lezione di Simone Weil, specie quella della “Lettera ad un religioso” e di “Enracinement”),  

– Islam e Jihad,

potrebbero gareggiare col peggio della mostruosa Modernità, sinora il peggio di preistoria e storia: i 100 milioni di vittime dei democidi comunisti (Stalin e Mao), la Shoà.

Occorre lavorare sodo, ricostruire élites per ripristinare regimi assolutisti illuminati, fondati stavolta sulla Scienza  – anziché su Libri Sacri buoni solo a pulirsi l’ano, se la carta è Fabriano.

Featured image

PS Intanto rileggiamo La Repubblica di Platone (che NON era comunista), Giacomo Leopardi e (appena ripubblicate da Fede & Cultura www.fedecultura.com, casa editrice veronese sanamente catto-reazionaria) Le serate di San Pietroburgo di Joseph de Maistre, ispiratore del sublime a-moderno Charles Baudelaire – io li ho sur le chevet. Con le Oeuvres scelte di Simone Weil, i diari di Etty Hillesum ecc.