Veneto più libero

IL POPOLO CHE INNOVA, LAVORA E RISCHIA HA DETTO SI.

Il popolo ha votato, appropriandosi dei ref. TACCIANO 1 mese x vergogna: liberali autoritari@vongole, giornalisti venduti a

 

san marco.jpg

1- i fatti

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-10-22/referendum-lombardia-19-affluenza-oltre-30percento-veneto-quorum-superato-519percento-195216.shtml

 

“ORA AVANTI VERSO IL FEDERALISMO (CATTANEO, MANIN, TOMMASEO, STURZO, E TANTI ALTRI CI HANNO INDICATO LA STRADA)
E’ andato a votare circa il 60% dei veneti, sul 92% degli aventi diritto (l’8% risiede all’estero e non poteva votare da lì). Sono oltre 2 milioni, quasi il doppio degli elettori di Zaia del 2015.”  ~ Michele Boato su Facebook.

 

2- l’analisi

#Enzitoriale del 22 ottobre 2017

DATA IMPORTANTE PER IL VENETO, LA MEGALOPOLI PADANA E L’ITALIA preda di sanguisughe e medici più mortali della malattia.
Contrariamente all’opinione corrente di politicanti e Giornalisti di Sistema (bancario), IERI HA VINTO 1 solo Soggetto; proprio il FISICO, Foucaultiano corpo biopolitico elettorale che ha deciso, con l’integrale delle sue strategie individuali, di votare.

In uno slogan antimarxista, interclassista e di libertà:

 

Veneto avanguardia EUROPEA col 55% aventi diritto che dice: si cambia! Leadership di QUEL Veneto di popolo della prima, bella Liga Veneta, del mio bellissimo Sindaco Mario Rigo, e di Giorgio Lago.

La Asinistra SENZA POPOLO (delle grida manzoniane dei Renzi, dei bancheri Atlanti del Demonio come il politicante Franco Bassanini, della élite selezionata a rovescio e chiusa su se stessa come la Stupidentsia definitivamente rincojonita, ferma ancora al 1968 -MA BASTAAA clero peder…-  e pre-1989) prende la batosta CHE SI MERITA! Ben vi sta.
Poi la Sicilia la ucciderà, farà più strage di asini dei Pink Floyd a Berlino.
Compagni, quello di oggi Domenica 22 ottobre NON E’ in prima istanza il Popolo raccolto dalle brave giunte di Lega e Cdx; è il #PopoloImprendiLavoratore PUNTO.

La novità del momento politico è davvero grande, e molto positiva almeno potenzialmente.
Questi 2 referendum operano una faglia “giusta” (con una chirurgica, meticolosa separazione Dantesca proprio di classi buone e cattive, Mirco Cittadini) nel Sistema, proprio come analizza, argomenta (riportato qui sotto) un secondo Michele, Boldrin.
Io – diversamente da lui – votai si al referendum costituzionale piangendo come una fontana che si lasciassero le Regioni del 1970 come sono, senza un profondo ridisegno e risanamento.  Allo scopo farne alla Jordi Pujol (nella parte migliore di questo leader, a parte le miserie di noi umani) i Lego o meglio i pilastri di uno Stato nuovo.

 

3- la citazione

 

Michele Boldrin

4 hrs ·

Fra chi paga per tutti la domanda di federalismo fiscale e’ oggi piu’ forte che mai. Son certo che un simile referendum in Emilia-Romagna o Piemonte darebbe gli stessi risultati.

Che e’ una delle ragioni per cui ho votato NO il 4 dicembre, forse la principale. Pinocchio ed il suo PD non hanno proprio capito un piffero di dove vada e cosa voglia sul piano economico e fiscale quella fetta (minoritaria ma cruciale) di Italia che lavora e produce. Anche per questo e’ giusto che vengano spazzati via.
Notoriamente ho zero simpatie per la LN, specialmente nella versione Salvini ma anche in quella Zaia. Il mix di razzismo, populismo, statalismo ed ignoranza che esprimono mi provoca un senso di rigetto antropologico.

Ma sul referendum sono stato zitto per la semplice ragione che, seppur in maniera strumentale e puramente propagandistica, la mossa e’ quella giusta e la rivendicazione di autonomia fiscale legittima. Viene da un partito e da persone di cui non ci si puo’ fidare ma e’ una richiesta giusta. Anzi, ancora troppo debole rispetto a quanto sarebbe necessario e legittimo chiedere.

Ora sarebbe il caso che qualcuno che vuole far politica in Italia e vuole essere il “meno peggio” si ponesse seriamente il problema di rappresentare l’Italia che lavora e produce. Rimettendo con forza sul tavolo la questione del federalismo fiscale, senza le mediazioni ed i squallidi compromessi che l’ignoranza e la pavidita’ di Bossi accettarono per compiacere BS, Fini ed il loro elettorato parassitico e centralista.

L’alternativa sara’ Salvini a Palazzo Chigi, niente federalismo, politiche economico-sociali degne del peggior corporativismo e tante belle prese in giro di chi lavora e produce, come succede dai tempi dalla scesa in campo di BS.

Dopo qualche ora, si fa mattina.

 

Michele Boldrin

1 hr ·

Pensiero sincero del mattino: i piu’ deludenti stamattina sono quelli che, pur essendo favorevoli a federalismo e tutto il resto, ironizzano sul risultato referendario perche’ porta acqua al mulino di Maroni e Zaia.

Se non vi piace il mulino non criticate il fiume, costruite un mulino migliore piu’ a monte … o deviate il fiume.

I piu’ ridicoli, invece, sono i “sinistri razionali” che continuano a negare, con le scuse piu’ incredibili, che la % di si (anche in Lombardia, si’ anche in Lombardia) sia semplicemente enorme.

E’ lunedi e ieri, evidentemente, il campionato non deve aver offerto sufficienti emozioni.

4- il votante SI mediano (si scherza)

Il sinistrume che ieri abbiamo asfaltato in Veneto (ora passiamo il testimone ai picciotti Siciliani perché polverizzino ed incementino il cadavere), si consola e lecca le ferite che Zaia qua e là. Zaia un cacchio, scimuniti dalle bolle mediatiche di poche ore.
Lui ha un potere, limitato (per ora Salvini gli sta sopra, e se comanda il Veneto è solo perché Galan era un verme schifoso e s’è abbruciato: Tosi è stato cacciato dalla politica dai veronesi che aveva brutalizzato dimenticando la vaselina), ma quando parla rappresenta:
i) per somiglianza, pienamente una scarso 1% dei votanti, i quadri e base leghisti storici non (ancora) Salvinizzati
ii) per delega politica, meno della metà dei 2 milioni di INSORTI NELL’URNA ieri, in questa data Storica.

22 0ttobre 2017


Facciamo mica come il Pinocchio che s’è rincitrullito per mesi come avesse LUI il 40%, eh? (leggi ieri M. Sechi, List)
Se invece volete un elettore MEDIANO con 1 milione davanti ed 1 dietro, quello sono IO assieme a tanti miei simili.
_
Il veneto autonomista mediano della classe media = Def
Credente non più frequentante laico-bestemmiatore (solo per Amor di D*o ahimè non abbastanza temperato dal Timor di D*o. Qui, nella dizione del Padre, influssi Gheto Venexian e Paradiso Perduto del me amigo Adamo, no Adamo Lubrico, st’altro), buon bevitore ma solo vino buono (fav il Prosecco biologico e Vini Natural©, e.g., Enoteca Vapoliterra di SM di Negrar), no grappini all’alba non siamo trentini … tòi; ex classe operaia poi risalito Mediano sgomitando e facendosi il mazzo: azienda propria come Bepi, carriera dirigenziale pubblica o privata; spesso ex ’68 ma cmq ora conservatore, libertario solo cum juicio.
Vota più autonomia non certo per separatismo mongoloide, mangime Veronesi© per broledari. Ma perché ha ben in mente, dai suoi studi ad ingegneria gestionale (e, se ricercatore i suoi paper: ne ho sul tema) dei modelli organizzativi, un paradigma decentrato-ed-assieme-integrato, e.g., reti neurali, reti di sistemi digitali, Internet.”

 

La Repubblica – art. di Francesco Gilioli

Referendum Veneto, Rubinato (Pd) vota come i leghisti: “La base la pensa come me, vertici si adeguino”

Simonetta Rubinato è una deputata veneta del Pd. Il suo bacino elettorale è Roncade, in provincia di Treviso. Si è convintamente recata a votare al Referendum per l’autonomia del Veneto, proposto dal governatore leghista Luca Zaia.

“La maggioranza degli elettori del Pd la pensa come me. I dirigenti invece sono subalterni alle gerarchie nazionali”. “Io eversiva? Applico solo la Costituzione. Non sto dando una mano a Zaia: rispetto ai voti con i quali ha vinto le elezioni regionali del 2015, per raggiungere il quorum in questo Referendum, servono un milione e duecento mila voti in più. Non sarà la sua vittoria”.

 

Una domanda a me e Michele.

La parola agli amici Enzo Arcangeli e Michele Boldrin.

Chissà se il treno di Renzi stanotte è deragliato; e chissà se Di Maio vorrà cavalcare le autonomie.

Ottimo segnale l’esito dei referendum del Lombardo-Veneto. Ma senza maturazione di adeguate élites, anche l’autonomia rischia di entrare in un vicolo cieco. Per dire, un Veneto autonomo guidato da un novax fa caxare come l’Italia di Berlusconi Renzi e Gentiloni.
A dire il vero, mi pare che in fondo il dividendo più sostanzioso dei referendum rischia di incassarlo proprio Berlusconi!

Comments
Enzo Arcangeli
Enzo Arcangeli Aah certo, non c’è l’offerta nuova per questa domanda politica nuova e molto matura; quindi nessuno è in grado di contrastare Salvini nella Lega che si spaccherà forse (no voice: exit), ed alle prossime elezioni potrebbe incassare il Cav. Non so fare ora tutti gli scenari, ma può essere.
Enzo Arcangeli
Enzo Arcangeli Ma adesso, e non per molto il ferro è caldo perché la gente comune sa che atto ha commesso, la sua forza intrinseca ed il sasso nello stagno; e sta in campana a vedere come l’offerta risponde.

 

Enzo Arcangeli

Enzo Arcangeli e come dice Michele, i sentiments in molte regioni sono simili, quindi anche là si sa di aver vinto. Non a caso la put*ana impestata marcia de Il Mattino di Napoli (da dove proviene l’imbecille del Sole 24) oggi titola: i veneti vogliono rubare soldi al Sud. Per evitare il contagio catalanooccitanoveneto a Sud.

Michele Boldrin
Michele Boldrin Siam d’accordo, Biagio. Il problema delle elite politico-sociali e’ il problema vero, quello che alla fine ponemmo (fallendo) con Fermare il Declino. Ma che noi si abbia fallito non elimina il problema che e’ plateale e sempre piu’ grave: esiste, solida, una domanda sociale di cambiamento nella direzione allora indicata. Ma e’ completamente assente la forza politica capace di incanalarla in una direzione positiva e quella domanda si disperde in follie indipendentiste, libbberismi da strapazzo, doppie monete, dagli all’immigrante e via dicendo …

 

 

Advertisements

La mia ratio pro i 10 punti di @FermareDeclino

‘STI POST  LIBERALI, ma che vonno mai?

Come molti di voi ormai sapranno: si sta formando proprio in queste settimane in Italia tutto un nuovissimo raggruppamento politico dal basso, direi più post-liberale che neo-lib (certo: almeno non nel senso che a quest’ultima etichetta di fantasia dà un marxista, un negriano o un alter-globalista col “culo in pista” – citazione di Mauro Rostagno), attorno ad Italia Futura “di” Luca C. di Montezemolo e Nicola Rossi, e “Fermare il declino” promosso tra gli altri 250 da Oscar Giannino e noi di Noise from Amerika; ed arrivato a 20.000 firmatari in un attimo. Talmente “post” da non ricadere più nelle dimensioni tassonomiche 1789 “dx-c-sin”, ma semmai in quelle “merito-rendita” “sviluppo-ristagno infelice” etc. Per questo tutti i politologi e commentatori che ci collocano al Centro (con Cacciari Casini Fini Passera e Rutelli), resteranno sorpresi (o almeno: LO SPERO  PROPRIO!).

Ecco un mio primo ragionamento, e sotto i link ad alcuni siti rilevanti in questo dibattito in vista delle elezioni 2013 e del post-berlusconismo.

3 teoremi empirici economico-civici

1 L’italia ha bisogno impellente di crescita; non ha altra via CONCRETA per ridurre il NON SOSTENIBILE rapporto D/PIL pari ad 1,2, che CRESCERE. Se escludiamo idee argentine peregrine, con costi mostruosi di affamamento e morti per inedia, ad es. quelle proposte dal mio carissimo, fraterno amico François Chesnais, o dal coerente anti-€ Paolo Savona.

2 Vi è però tutto un concorso sistemico, precisi INTERESSI DELLE CLASSI redditiere (la gran maggioranza dei ricchi, specie i non meritevoli; i ceti medi parassitari e poco o del tutto non-lavoratori; moltissimi: quasi tutti i poveri e lumpen, con le loro note asimmetrie regionali nella nota e studiata geografia dell’assistenza), a tenere l’italia fuori dal concerto mondiale della crescita.

3 L’unica soluzione che liberi i mai sopiti Spiriti Animali del capitalismo italico e consenta – lottando contro le Rendite anzidette – la ripresa (entrare nella prossima “Onda Lunga di Kondratiev”, dopo che abbiano perso quella della microelettronica ca. 1970-2010), è dimezzare nel giro di 1 o max 2 generazioni, il peso dello Stato sulla società. Dall’attuale 60% ad un 30% fisiologico nel modello franco-padano-renano. Togli l’osso ai cani, e li affami.

In più non liberi SOLO gli “Spiriti Animali”. Chi critica x economicismo i 10 punti di Fermare il Declino è un MONA CROCIANO, ha fatto il Liceo ed ha la testa-da-c°°°o ormai formata per tutta la vita, almeno finché non va a depurarsi a fondo nella meditazione.
Abbassare lo Stato da 60 al 30% comporta liberare:

a) tutti gli individui-sudditi (creare basi materiali dei “diritti” che secondo i Crociani non ci sarebbero nei 10 punti: analfabeti!); e

b) le loro reti, la Società Civile che può farsi gli asili (vedi ad es.  il caso di Bolzano, dove c’è la max natalità in Italia seguita da Trento; ed anche questo è invertire i declini: quello civico-urbano, comunitario e demografico) senza stato né sussidi: solo cooperazione e mercato. Supportate da solidi servizi di volta in volta, per principio di auto-organizzazione e sussidiarietà (non fare in alto ciò che puoi fare in basso): beni privati, Commons (alpini civici o digitali),  socializzati o prodotti dal pubblico.

LETTURE, LUOGHI della rinascita di Animal Spirits civici, sociali, imprenditoriali e cooperativisti nel BruttoPaese.

Per cominciare i 10 punti programmatici qui discussi: 10 proposte.

Sudditi” eBook (o anche nelle librerie) a cura di Nicola Rossi, la miglior introduzione a tutto il discorso liberale – post-lib nel contesto storico-istituzionale italiano.

Fermare proprio, chiudere il Liceo Classico: https://www.facebook.com/groups/principedanimarca/ ed il libro omonimo di Carla&Cesare, sulla max entropia del Liceo Classico ed il suo CONTRARIO nella pedagogia di strada

Fermare il Declino:

– la conversazione su Twitter: @FermareDeclino e la mia  lista https://twitter.com/#!/nonnoenzo/fermiamo-il-declino

– su facebook: https://www.facebook.com/fermareildeclino

– g+ (ma esiste ancora?) https://plus.google.com/110629899602005681059/posts

– linkedin: http://it.linkedin.com/pub/fermare-il-declino/57/51/5ab

– Oscar G. ed il principio di sussidiarietà: una-macroregione-nord-perche-rinasca-dal-basso-uno-stato-sussidiario

– http://noisefromamerika.org/

E la crisi, Maremma Majala? Ndè in mona…

TREMONTI LA RIPASSA LISCIA ANCHE IERI ALLA CAMERA: MA VAFFA! La politica è morta.

Ho sempre pensato a questo problema: che persino Trani (pur con tutto lo spaccato gustoso del potere che offre), nel TRITACARNE dei MEDIA BORGHESI (di dx o sin) diventava 1 altro alibi, persino con possibilità di portar voti al tragicomico aspirante dittatore – il bilancio è dubbio, si vedrà. Il Cav. prova e riprova a stracciarsi le vesti – stavolta però perde voti di brutto verso l’astensionismo, è la sensazione pure sua. Ma occorrerebbe simulare AS IF:  se, non bollettini delle Procure, ma bollettini delle Camere di Commercio e del Lavoro, avessero parlato di, e messo al centro, l’imprenditore di Vicenza che s’è suicidato. Ed altre storie vere come questa. Andé tuti in mona, giornaisti pajasi\ andate affankulo, giornalisti pagliacci – né più né meno dei vostri consoci, gli osceni politicanti!

E TEMEVO assai, COL MIO STESSO BLOG-POST linkato sopra DI PARTECIPARE A QUESTO GIOCO AL NASCONDINO DELLA CRISI: solo in questo blog, perché l’altro (DEEPRECESSION) è sempre stato, da gennaio 2008 ad oggi all’avanguardia mondiale delle analisi  sulla crisi; l’ha anticipata di interi semestri – ad es. dicendo PER TEMPO che Lehman Bros era morta ed “inventando”, coniando Financial Socialism, poi imitati al Senato US.

Isola dei politici VS isola dei Cassaintegrati.

Infatti:  Tremonti incula ancora tutti (i vacui politicanti) col suo sgattaiolare via, ha usato ieri la parabola alla Camera “Potete dire che ho fatto poco, non che ho fatto nulla“, mentre lui ha fatto MOLTISSIMO: x AGGRAVARE LA CRISI, di anti-keynesiano per deprimere la domanda effettiva in piena crisi mondiale GRAVISSIMA. Il – 6% del PIL anziché  -3% è assolutamente un SUO MERITO PERSONALISSMO, per il quale è – avrebbe detto il più grande uomo di teatro italiano, dopo Pirandello – già passato alla Storia. Ma, più grave, la industria manifatturiera naviga a solo 2\3 della sua capacità TUTTORA, e tra 10 anni non si sa dove sarà:  forse, non in ogni settore sarà tornata al 2008. Solo nel made in Italy ed altri punti di forza, mentre la chimica già al lumicino scompare, ecc. ecc.

Se politiche keynesiane standard in Italia (e SOLO IN ITALIA, nel mondo intero) non si conoscono, figuriamoci POLITICHE INDUSTRIALI, che non necessariamente sconfinano nel gollismo protezionistico. Di quelle  è scomparso. assorbito dal Reagansmo subliminale della ex-Sinistra, il lessico stesso, come osserva Sergio Bologna nel suo ultimo libro.
NON CI SON CAZZI: qui la colpa è tutta della ASSOLUTA MISERIA della sinistra, ridotta all’ombra di se stessa. MAI scomparsa così, nella sua stesa sostanza Tomistica. Voglio dire, quando il PSF era nella merda dopo la buccia di banana di Jospin (da cui il Partito è rinato domenica, MA SON PASSATI ANNI DURI), uno straccio di programma l’ha sempre avuto: magari sbagliato, vetero-socialista. L’analisi della crisi l’ha certamente TOPPATA: ma esistevano dei documenti criticabili, pubblicati dal PSF. Nulla di tutto ciò in Italia, e da nessuna componente della sinistra.  SOPRATTUTTO, mai dalle componenti più IMBECILLI e VACUE dei Grillini-IdV, che purtroppo (spacciando per novità il loro populismo marcio e finto-verdismo) sono di riferimento pure per i Viola – il che non va certo a merito di questi ultimi.

In Italia, no: nemmeno l’ultimo governo Prodi aveva un programma – e come poteva?
E Prodi resta l’unico politico degno che s’è visto sinora, nel secolo Berlusconiano testé iniziato.

Aldo Garzia:

Tutta l’attenzione su Trani e Talk show. E la crisi economica scompare

Nel pieno delle polemiche istituzionali, dalle 16 alle 19 di ieri si è svolto il dibattito in Aula a Montecitorio sulla crisi economica (presente Tremonti, assente Berlusconi). L’iniziativa, proposta dal Pd, si sarebbe dovuta svolgere la scorsa settimana ma i tesi rapporti tra maggioranza e opposizione che hanno allungato i tempi di discussione su altre questioni l’hanno spostata di giorno in giorno. Ciò che in altri Paesi europei di solito si chiama “solenne seduta parlamentare sulla politica economica” si è trasformato in uno stanco dibattito di fine giornata, alla vigilia della sospensione dei lavori della Camera fino a dopo Pasqua per via della campagna elettorale per le regionali. Chi se ne frega, infatti, se il Pil italiano è crollato del 6% (a fronte della riduzione del 3,8% della Germania e del 2% della Francia) e tutti i numeri economici sono in rosso. – http://www.gliitaliani.it/?p=2426

Mail del PD, che si accontenta di poco

dopo 22 mesi di sforzi e districandoci tra processi brevi, medi e lunghi siamo riusciti a far parlare per ben 3 ore Berlusconi e Tremonti di crisi economica e sociale in Parlamento. Lo abbiamo chiesto con insistenza ma come ha detto Bersani “il governo si è presentato solo con parole, senza proposte. Invece senza lavoro non c’è Italia. Noi stiamo con chi non ce la fa”.

Su www.partitodemocratico.it trovi l’articolo, il video e il discorso integrale di Bersani.

MORE:

i terribili enfants (cresciutelli, ma sempre metà dell’età media degli Ordinari in Italia, che all’estero non vorrebbero come bidelli: 5o versus 100) di Noise from Amerika (più kattivi dei bobobo bokkoniani de La Voce, e pure dei Kalecki – keynesian -marchesisti -lieninisti) mettono a nudo Tremonti. Cercasi foglie di fico e mutande per il ministro s-mutandato! (NB: bobobo=versione meneghina del BOBO international: Bohemien Bourgeois e pure Bocconien – proprio tutte le sfighe possibili! Se erano normali, stavano al Poli)

a) il sito dei sovversivi economisti extra-comunitari “a rovescio”: NfA – www.noisefromamerika.org/  e http://www.noisefromamerika.org/index.php/base/tremonti

b) su facebook:

Tremonti: istruzioni per il disuso

c) in libreria – Collettivo noiseFromAmeriKa: Alberto Bisin, Michele Boldrin, Sandro Brusco, Andrea Moro, e Giulio Zanella (2010), Tremonti: istruzion per l’uso. Edizioni Ancora del Mediterraneo